La raccolta differenziata sta diventando sempre più importante anche nella città di Catania aggiungendo nuove zone che prevedono la raccolta porta a porta. Il tutto per poter fare la differenza anche sull’ambiente e soprattutto per sviluppare una nuova energia rinnovabile

La raccolta e la selezione dei rifiuti a Catania

Attraverso l’aiuto dei cittadini è possibile differenziare la spazzatura, al fine di vivere la quotidianità rispettando l’ambiente. È una delle motivazioni che sta spingendo la raccolta differenziata a diventare un pilastro sempre più importante anche a Catania. Proprio nella città etnea la selezione dei rifiuti sta diventando una quotidianità immancabile che coinvolge la maggior parte dei cittadini. Nella città, infatti, sta prendendo piede sempre più anche la raccolta porta a porta, attraverso nuove zone in cui, la selezione dei rifiuti, avviene a domicilio. Tale tipologia di differenziata, è una delle pratiche più avanzate per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti. Infatti, la raccolta di abitazione in abitazione è un’innovazione che viene sfruttata soprattutto per i centri cittadini più sviluppati in ambito di riciclo. Ed è portata avanti per avvantaggiare la riciclo tramite l’aiuto dei cittadini. In questo caso, ogni famiglia o condomino, ha bidoncini con cui fare la raccolta: verde per il multimateriale, marrone per l’organico, bianco e giallo rispettivamente per carta e plastica. Giornalmente, ogni famiglia ha un calendario in cui è iscritto giorno per giorno quando vengono raccolti certi rifiuti. Ad esempio, durante alcuni giorni vengono raccolti carta e organico, o plastica e vetro o plastica e organico. In questo modo, ogni abitante, può gestire tranquillamente la propria spazzatura.

Come viene gestita la spazzatura
Una volta esposti i bidoni all’esterno della propria abitazione, la spazzatura viene raccolta da camioncini più piccoli che viene trasportata nei centri di selezione e di trasferimento. Differente discorso è per quanto concerne la raccolta differenziata rionale. Sebbene la raccolta porta a porta prende ad oggi la zona nelle zone del villaggio Dusmet, via Callipari e viale Lainò, altre zone di Catania, infatti, che non fanno ancora parte della raccolta porta a porta. Bensì devono smaltire i rifiuti in maniera ordinaria utilizzando i bidoncini di zona. Quindi destinando la carta nei bidoni bianchi, l’umido nel bidoncino marrone, bidone giallo per la plastica e bidone verde a campana per la raccolta multimateriale. La selezione multimateriale a Catania, così come avviene in altre città italiane, permette di distinguere velocemente i materiali quali plastica, vetro e alluminio inserendoli nell’insieme.

La raccolta avviene giornalmente con camion leggermente più grandi rispetto alla raccolta porta a porta. I mezzi raccolgono la spazzatura per portarla poi nei centri di selezione dove viene suddivisa nuovamente e trasportata alle stazioni di trasferimento. Questi impianti che gestiscono il trasferimento, sono altrettanto importanti poiché ogni materiale viene lavorato al meglio. Una volta pronto, viene trasportato infine in impianti dove (in questo caso plastica, vetro, acciaio o plastica) possono essere impiegati nuovamente. Lo scopo è, appunto, quello di donare nuova vita per rivalorizzare la spazzatura e prepararla a nuovi impieghi.

Anche l’organico può essere sfruttato attraverso la combustione e, tramite i vapori, alimentare centrali elettriche rendendo il tutto più riciclabile. In questo modo, con una suddivisione della spazzatura riciclabile, gli inceneritori vengono accesi il minimo indispensabile per ottenere un risparmio di energia e meno inquinamento.