Il progetto condotto al Policlinico Sant’Orsola di Bologna prevede l’utilizzo di linfociti ‘T reg’ che controllano le risposte immunitarie per evitare che diventino troppo potenti

021204-N-0696M-180

Le gravi complicanze che si verificano nei pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo potrebbero essere presto contrastate con una terapia biologica. È questo l’obiettivo del progetto di ricerca “TreGeneration”, ancora una volta un progetto tutto italiano, condotto dal Policlinico Sant’Orsola di Bologna. Il programma utilizzato prevede per la terapia cellulare l’utilizzo di linfociti T reg ed evita l’uso di farmaci immunosoppressori, spesso molto dannosi per la salute.

Al momento il trapianto di midollo osseo da donatore è la terapia più efficace per malattie ematologiche come le leucemie. Nel 20% circa dei casi, però, anche se il trapianto va a buon termine, si presentano gravi complicanze, tra cui la “malattia del trapianto verso l’ospite” (Gvhd, Graft versus host disease). È la malattia più pericolosa, in cui le cellule immunitarie del donatore non riconoscendo come ‘propri’ i tessuti del paziente che ha ricevuto le cellule, li attacca, e colpisce pelle, mucosa e organi interni. Contro queste complicanze vengono utilizzati farmaci immunosoppressori, che come già detto sono spesso tossici e non efficaci nel tempo.

Così per dare finalmente uno stop all’azione dannosa sull’organismo i ricercatori vogliono utilizzare i linfociti “T reg” che controllano le risposte immunitarie per evitare che diventino troppo potenti.

Per eliminare la complicanza del trapianto dovrà dunque essere iniettata nel paziente ricevente una dose molto elevata di questi linfociti provenienti dal donatore. In più nel 2014 è stata ideata una procedura in grado di moltiplicare i linfociti T reg fino a 500 volte in meno di 3 settimane, in condizioni di assoluta sicurezza e sterilità.

Il programma di sperimentazione è però molto costoso, ma il suo successo potrebbe avere importanti implicazioni anche al di fuori della pratica del trapianto, come ad esempio per la cura di malattie del sistema immunitario.