Il sindaco di Verona dopo l’espulsione dal Carroccio accusa il leader Matteo Salvini di comportarsi scorrettamente e assicura che per qualsiasi decisione futura non agirà per vendetta

Tosi

“Secondo me Salvini voleva il controllo dittatoriale della Lega Nord, e di questo si assume la responsabilità”. Lo dice Flavio Tosi, dopo essere stato cacciato dal Carroccio, in una conferenza stampa a Verona. “Quindi visto che le decisioni le ha prese il segretario federale, la delusione sui comportamenti anche umani è nei confronti del segretario federale, cioè di Matteo Salvini”, ha aggiunto il sindaco veronese, ormai sempre più convinto di correre da solo contro Luca Zaia per la presidenza della Regione Veneto.

Ma il rivale Zaia non sembra per niente preoccupato di questa eventualità. “Una candidatura di Flavio Tosi? Sembra intenzionato a farlo ed ognuno, nella sua vita, fa quel che vuole; ma io non la temo”, ha detto. “Al di là dei sondaggi che ci danno vincenti, io butto il cuore oltre l’ostacolo. Nel 2002, quando già la Lega governava a Roma da un anno, dissi che avrei corso per le provinciali di Treviso, ma da solo. Mi piacciono infatti le sfide, soprattutto su un terreno fangoso, dove corro meglio, perché non sono uno da piste d’atletica”, ha aggiunto Zaia.

Sullo scontro Tosi-Salvini, il governatore uscente dice: “Era chiaro che le possibilità di ricomposizione erano pari a zero. Questa partita deve servire da insegnamento a tutti, non solo a noi. Penso che Salvini, che ha cercato di ricomporre questa partita, che inizia e finisce sul tema della fondazione di Tosi, abbia fatto il suo dovere di segretario, tutelando il suo partito e ha avuto il merito di fare chiarezza a due mesi dalle elezioni”.

Intanto Tosi assicura, che dopo questa “brutta botta” penserà al suo futuro: “Questa rottura che ha creato e voluto Salvini, rifiutando anche una proposta formale di mediazione, rischia di danneggiare il centrodestra e favorire il centrosinistra. Ma questo Salvini probabilmente l’ha messo in conto”. “Qualsiasi decisione prenderò nei prossimi giorni non agirò per vendetta” ha precisato.