Un caso di zooerastia è stato registrato nella città campana di Torre Annunzita. Come descritto dal noto quotidiano Metropolis, una 28enne ha dovuto richiedere l’intervento degli uomini del 118 dopo aver fatto sesso con il suo cane dalmata.

La chiamata è arrivata al 118 intorno alle 16,30 di ieri pomeriggio. La donna è stata portata nell’ospedale di Torre Annunziata dove è stata visitata subito dai medici. La giovane ha riportato la lacerazione dell’utero, il quale dovrà essere operato chirurgicamente. Infatti, secondo sempre quanto riportato dalla rivista, la ragazza avrebbe avuto un rapporto sessuale con il suo cane dalmata, di tre anni e il contatto con il liquido seminale dell’animale le avrebbe causato l’attaccamento delle pareti vaginali.

Lo sperma degli animali, a differenza di quello dell’uomo, è molto più viscoso, quindi provoca un effetto colla. Per questo motivo i medici sono dovuti intervenire chirurgicamente per eliminare tutte le tracce del liquido organico. La paziente, dalle ultime notizie giunte dal policlinico, sta bene ed è stata dimessa con una prognosi di pochissimi giorni. Tanta vergogna per la 28enne di Torre Annunziata che è stata protagonista di casi di zoofilia erotica già tre volte ed ha dovuto rivelare la sua perversione sessuale ai dottori, che l’hanno visitata.

La zooerastia è il mettere in atto pratico un rapporto sessuale con animali, per lo più domestici, quali cani, cavalli, gatti, maiali o pecore. Negli ultimi anni il disturbo del bestialismo si è diffuso moltissimo nei vari paesi, anche se i casi registrati ufficialmente non sono tantissimi. Secondo i terapisti è il desiderio di sottomettere un essere vivente senza avere il consenso e di avere la sensazione di padroneggiare su di esso. Molto spesso le persone affette da questo squilibrio mentale hanno un profilo psicologico molto fragile e denotano insicurezza.