L’esplosione è avvenuta nel seminterrato del centro commerciale Central Festival sull’isola turistica di Koh Samui. Oltre alla ragazzina italiana di 12 anni sono rimati lievemente feriti altri 6 thailandesi

esplode autobomba in centro commerciale

Tanta paura, ma fortunatamente nessuna grave conseguenza per una bambina italiana di 12 anni che insieme ad altre sei persone thailandesi si è trovata coinvolta nel luogo dell’esplosione di un’autobomba sull’isola turistica di Koh Samui. I fatti sono avvenuti ieri in tarda serata nel parcheggio di un centro commerciale all’interno di un pick-up. A riportare la notizia la Bbc che citando fonti locali ha spiegato che la bambina e le altre 6 persone sono stati curati per le ferite provocate dalle schegge e per il forte choc. L’auto risulta essere esplosa verso le 23:30 (ora locale) all’interno del centro commerciale Central Festival, e la sua provenienza deve essere ancora stabilita con esattezza. Tuttavia le autorità hanno precisato che la vettura sia stata portata a Koh Samui da una delle tre province meridionali thailandesi dove operano militanti islamici.

La deflagrazione è avvenuta nel seminterrato dello shopping center che si trova vicino alla spiaggia frequentata da turisti a Chaweng. La Bbc ha riferito inoltre che poco dopo l’esplosione, sono arrivate anche altre segnalazioni di incendi vicino al centro commerciale.

Dopo l’esplosione di ieri sera la Farnesina, informata dalla polizia di Bangkok, ha confermato il coinvolgimento della bambina italiana dodicenne precisando che è stata sottoposta a dei brevi controlli e che adesso sta bene ed è rientrata a casa.