La polizia svedese assicura che non si è trattato di un attacco terroristico ma di un assalto di bande organizzate operanti a Goteberg, la seconda città più importante della Svezia

Sparatoria in Svezia

Attimi di terrore ieri sera nel ristorante Var Krog och Bar di Goteborg, la seconda città della Svezia per importanza, situata nel nord-ovest del Paese. Due uomini armati hanno assalito il locale sparando sui presenti. Due sono stati i morti, mentre molte persone coinvolte sono state poi portate in ospedale per aver riportato gravi ferite. A riferirlo la portavoce della polizia svedese Ella Brehm, che ha precisato in un comunicato stampa che i due assalitori hanno utilizzato un’arma automatica. Adesso sono in corso le indagini, ma non ci sono ancora informazioni riguardo a sospettati. Quello che assicura la Brehm è che non vi è alcun collegamento con il terrorismo. L’ipotesi è che invece si sia trattato di una sparatoria connessa a bande operanti nella città, che spesso è colpita da queste violenze di criminalità organizzata.

Per le indagini è stato interrogato un testimone che ha riferito anche alla televisione svedese SVT gli attimi di panico durante l’assalto. “Sono entrati due uomini nel ristorante e hanno cominciato a sparare con armi automatiche” ha detto. “Non ho avuto la possibilità di pensare a ciò che stava accadendo. Poi ho visto che il mio amico stava perdendo sangue. Ho cercato di fermare il sangue stesso meglio possibile con la mano” ha aggiunto il testimone, che ha voluto rimanere ignoto.

Poco più di due settimane fa davanti allo stesso ristorante, Var Krog och Bar (La nostra taverna e bar), che al suo interno ha anche un bar per sportivi e un locale notturno, è rimasto ferito un uomo nel corso di un’altra sparatoria. Adesso le autorità stanno anche indagando se i due episodi possano essere collegati tra loro.