“Non c’è ragione fondata per dire che l’omeopatia funzioni meglio di una pillola di zucchero”. Inoltre usufruirne può rifiutare o rallentare trattamenti per i quali esista una buona evidenza di efficacia e sicurezza

Homeopathic medication

L’omeopatia è una controversa pratica della medicina alternativa basata sui principi formulati dal medico tedesco Samuel Hahnemann verso la fine del XVIII secolo. Ma a quanto pare non sarebbe efficace contro alcuna malattia. È quanto afferma un documento del National Health and Medical Research Council (Nhmrc), il principale ente di ricerca medico australiano che ha analizzato tutti i test clinici sulla tematica.

Gli esperti hanno analizzato ben 225 ricerche pubblicate e 57 revisioni sistematiche, valutando la qualità di ogni singolo studio. Anche nei pochi casi di ricerche che hanno mostrato un effetto dei farmaci omeopatici, si sono riscontrati diversi problemi ed errori nella progettazione dei test.

Le persone che si affidano all’omeopatia possono mettere a rischio la propria salute. Lo si legge dal documento australiano, che sottolinea come usufruirne potrebbe rifiutare o ritardare trattamenti per i quali esista realmente una buona evidenza di efficacia e sicurezza. “Non c’è ragione fondata per dire che funzioni meglio di una pillola di zucchero. Non esiste malattia per cui vi sia una prova attendibile dell’efficacia dell’omeopatia”.

Il presidente del Nhmrc Homeopathy Working Committee, Paul Glasziou, crede che ci siano persone convinte che tutto questo sia un complotto dell’establishment per favorire altri interessi a discapito dell’omeopatia, “ma speriamo vi siano anche molte persone ragionevoli che possano riconsiderare la vendita, l’utilizzo e la distribuzione di questi prodotti”.