Gli altri due attentatori sono stati localizzati a bordo di una Renault Clio. Obama: “La Francia offre un intramontabile esempio che rimarrà ben oltre la visione di odio di questi assassini”. Renzi assicura che la violenza perderà sempre contro la libertà e la democrazia

hollande

Barack Obama. Il presidente Barack Obama, dopo l’attentato al giornale satirico parigino Charlie Hebdo, nella giornata di ieri, ha assicurato che farà quanto necessario per contribuire a portare i terroristi davanti alla giustizia. “La Francia è il più vecchio alleato dell’America ed è stata fianco a fianco agli Usa nella lotta contro i terroristi che minacciano la nostra comune sicurezza e il mondo. La Francia, e la grande città di Parigi dove è avvenuto questo oltraggioso attacco offrono al mondo un intramontabile esempio che rimarrà ben oltre la visione di odio di questi assassini”, ha ricordato Obama secondo una nota diffusa dalla Casa Bianca.

Onu. A commentare la crudeltà dei tre killer franco-algerini contro la libertà di stampa, è anche il segretario generale dell’Onu, Ban Ki moon: “Questo attacco terroristico è spregevole. Si tratta di un attacco orrendo e ingiustificabile. Credo che le autorità francesi faranno tutto ciò che è in loro potere per portare i responsabili davanti alla giustizia il più presto possibile”, ha affermato Ban Ki-moon ricordando che i media sono una delle ‘pietre angolari della democrazia’, e che tutti devono difendere la libertà di espressione e la tolleranza contro ogni forma di odio.

Angela Merkel e David Cameron. A dimostrare tutta la loro solidarietà al presidente francese Francois Hollande anche la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier britannico David Cameron: “I nostri pensieri sono col popolo francese e abbiamo offerto ogni aiuto di cui ci sia bisogno”, ha detto Cameron.

Napolitano. “Desidero esprimere la mia più ferma condanna nei confronti di un gesto vile ed esecrabile, che non colpisce semplicemente un giornale, ma uno dei pilastri sui quali si basa la nostra civiltà, la libertà di stampa”. Questo il messaggio del Presidente Giorgio Napolitano a Francois Hollande.

Renzi. “Orrore e sgomento per la strage di Parigi, vicinanza totale a Francois Hollande e Anne Hidalgo in questo momento terribile”. Il premier Matteo Renzi , che si recherà in visita presso l’Ambasciata di Francia, assicura che ‘la violenza perderà sempre contro la libertà e la democrazia’”.

Intanto il più giovane dei tre assalitori si è presentato spontaneamente alla polizia nella città di Charleville-Mezieres, a nordest di Reims. Il giovane 18enne, secondo alcune fonti, ieri mattina si trovava a scuola. Adesso è sotto custodia e si dichiara innocente. Ma si ritiene che abbia svolto il ruolo dell’autista durante l’attacco. La polizia cerca ancora i due fratelli, Cherif e Said Kouachi, che però sarebbero già stati localizzati a bordo di una Renault Clio bianca. Con addosso il passamontagna, avrebbero a bordo del veicolo delle armi automatiche.