Alcuni scienziati della California hanno fatto ricrescere i capelli sui topi partendo da cellule staminali umane con la speranza di applicare presto lo stesso metodo sull’uomo

cura-della-calvizie_

Il problema della calvizie colpisce circa la metà dei 50enni nel mondo occidentale, che oltre i capelli perdono purtroppo anche l’autostima di se stessi. Ma combatterla efficacemente adesso si può. È quanto svela una ricerca del Sanford-Burnham Medical Research Institute si San Diego, in California, e pubblicata sulla prestigiosa rivista scientifica Plos One. Per far crescere nuovi capelli gli scienziati hanno pensato di utilizzare cellule staminali umane. Nei primi tentativi di creare cellule della papilla dermica, importantissime per la formazione del follicolo pilifero, gli studiosi isolavano cellule sane mettendole poi in coltura per aumentare il loro numero. L’unico problema era però che le papille dermiche diventano meno efficaci quando vengono moltiplicate, ma producendole dalle cellule staminali il problema sembra svanire. In pratica le cellule staminali intervengono su quelle della papilla dermica stimolando una ripresa della produzione di capelli e di conseguenza anche la fine della calvizie.

Questa tecnica, provata sui ratti, ha già portato ottimi risultati. I ricercatori infatti, utilizzando le cellule staminali, sono stati in grado di far crescere con successo nuovi capelli sui topi. Adesso il team del Sanford-Burnham, guidato da Alexey Terskikh, spera che questo nuovo metodo possa portare al più presto a trapianti di capelli più efficaci negli esseri umani: “Il nostro metodo basato sulle staminali offre una fonte inesauribile di cellule dal paziente stesso per il trapianto e non viene limitato dalla disponibilità di follicoli piliferi. Il nostro prossimo passo sarà quello di trapiantare le cellule della papilla dermica derivate dalle cellule staminali umane pluripotenti in esseri umani”, ha spiegato Alexey. Adesso gli scienziati sono alla ricerca di finanziatori per dare nuova speranza a chi soffre di calvizie. Speriamo sia la volta buona!