È un drone acquatico ideato da alcuni ricercatori di Zurigo per immortalare tutto quello che succede sui fondali marini e regalarci immagini ad altissimi qualità di tutte le meraviglie dei nostri mari

sepios
In questi ultimi anni il drone è passato da strumento per uso militare a quello amatoriale, con un boom impressionante nel 2014, per crescere sempre di più negli anni a venire. La possibilità di fare video e foto di eccellente qualità dall’alto sta appassionando veramente tutto il mondo. Per chi ancora non lo conoscesse il drone è un velivolo che viaggia in assenza di pilota umano e controllato, attraverso un computer, da un pilota sulla terraferma o su un altro veicolo. Il suo utilizzo è ormai consolidato, come già detto, per usi militari, ma anche per applicazioni civili come ad esempio per prevenire e intervenire sulle emergenze di incendi, per sorvegliare oleodotti con finalità di telerilevamento e ricerca, e ormai più spesso anche ad uso privato. E oggi finalmente arriva anche il drone dei mari, che consente di fare video dai fondali marini. È un robot ideato da alcuni ragazzi dell’Istituto di Tecnologia di Zurigo, in Svizzera, che l’hanno chiamato Sepios. Il suo nome non è per niente casuale. Il robot acquatico infatti sta a indicare le seppie perché proprio come loro ha una struttura a pinne simmetriche che gli da la possibilità di farlo muovere senza alcuna difficoltà, come se fosse davvero un mollusco sui fondali. Sepios è ecologico al 100% ed è dotato di quattro pinne, ognuna delle quali è composta da nove raggi che riescono a manovrare il drone marino verso qualsiasi direzione. In più è provvisto di piccole alette laterali in grado di stabilizzarne la posizione in acqua, e l’assenza totale di eliche eviterà eventuali scontri con alghe e piante. “Il suo aspetto da animale marino crea poco disturbo nell’ambiente, il che rende il dispositivo ideale per le riprese della vita marina”, hanno detto i suoi creatori.

Sepios è già stato testato dagli studiosi svizzeri in un fiume vicino la città di Zurigo e ha già avuto ottimi risultati di controllabilità e manovrabilità. Il drone marino è stato creato per riuscire ad immortalare tutto quello che accade nei fondali, può vedere gli angoli più nascosti dei nostri mari e regalarci immagini ravvicinate di tutte le meraviglie marine e di ogni dettaglio che potrebbe esserci sfuggito sino ad oggi. E tutto senza danneggiare l’ambiente o scombussolare la vita degli abitanti degli abissi. Per il momento è ancora in fase di sperimentazione, ma già l’entusiasmo e le aspettative sono altissime. Ha acceso la fantasia di molti, e soprattutto degli amanti del mare, che non vedono l’ora di poterlo utilizzare. E probabilmente accadrà presto.