La piccola, trasportata in elicottero, è morta all’ospedale San Francesco di Nuoro, il fratellino di 4 anni è invece in gravi condizioni. Presto verrà ascoltata la mamma per raccontare la sua versione dei fatti, ma al momento sembra si sia trattato di un tentativo di omicidio-suicidio

elicottero

L’ennesima tragedia familiare si è consumata in Sardegna. È morta una bambina di 3 anni, finita nell’acqua gelida sulla spiaggia di Orrì, in Ogliastra. Insieme alla piccola, forse in un tentativo di omicidio-suicidio, la madre, di 36 anni, e il fratellino di 4, che rischia anche lui la vita. Da quanto appreso sembra che la donna si sia buttata in mare con i figli, ma gli inquirenti non escludono l’ipotesi di un tragico incidente.

È accaduto oggi pomeriggio, sulla costa di Tortolì. “I bambini piangevano”, raccontano alcuni testimoni che si trovavano in spiaggia durante la tragedia. La donna, insieme ai suoi bambini, è stata soccorsa immediatamente dal 118. La piccola di tre anni, trasportata in elicottero, non è riuscita a farcela ed è morta all’ospedale San Francesco di Nuoro. Il fratellino e la mamma invece sono stati ricoverati all’ospedale di Lanusei e si trovano in condizioni gravissime.

Gli inquirenti hanno iniziato a ricostruire la dinamica del dramma: la donna è arrivata al mare con i due figli a bordo della sua Fiat Stilo celeste, che è stata ritrovata parcheggiata davanti alla spiaggia; poi si sarebbe buttata in acqua insieme ai suoi figli, per motivi ancora sconosciuti. La Squadra Mobile di Nuoro, che sta indagando sull’accaduto, ha interrogato però alcuni testimoni e non esclude che si possa essere trattato di una disgrazia e non di un tentato omicidio-suicidio. Quando miglioreranno le sue condizioni di salute, verrà sentita anche la versione della donna, e solo allora potrà essere tutto più chiaro.