La donna 41enne si è impiccata ad un albero col suo foulard nel quartiere Prati dopo un litigio di coppia. Il fidanzato, ascoltato dagli investigatori, ha riferito che la donna soffriva di depressione e aveva minacciato altre volte il suicidio

Carabinieri

Episodio agghiacciante nel quartiere Prati, a Roma. Una donna di 41 anni è stata ritrovata impiccata ad un albero con un foulard, in via Ennio Quirino Visconti. Alla base del folle gesto sembra ci sia una pesante lite col fidanzato. Il corpo della donna, originaria di Fano, nelle Marche, è stato trovato intorno alle 2:20 della notte scorsa da alcuni passanti che hanno immediatamente avvertito il 112. Secondo gli investigatori, che hanno anche ascoltato il fidanzato, si tratterebbe proprio di un suicidio avvenuto in seguito ad una lite tra la coppia, alla fine del quale la donna è corsa via e in via Ennio Quirino Visconti, tra i civici 33 e 35, si è fermata vicino ad un albero ponendo fine alla sua vita, e utilizzando il suo foulard per impiccarsi.

Dalle indagini portate avanti dai carabinieri della stazione Prati è risultato che la suicida era fortemente depressa e aveva già minacciato altre volte di farla finita. A indurla al gesto la lite col fidanzato, che ha confermato tutto. Da quanto ha dichiarato ai carabinieri i due avrebbero litigato subito dopo essersi incontrati, e lei, prima di andarsene, avrebbe anche minacciato di uccidersi: “Se mi lasci mi uccido!”. Una frase che aveva detto già molte volte al fidanzato, che appunto per questo motivo non gli aveva dato tanto peso. Non poteva sapere invece che questa volta l’avrebbe fatto davvero. Il suicidio è quasi certo, ma è stata comunque disposta l’autopsia. Intanto qualcuno ha lasciato un mazzo di rose sul luogo della tragedia, sul marciapiede che costeggia la strada in via Quirino Visconti.