Il killer era affetto da disturbi mentali e dopo aver sparato 25 colpi in un ristorante della Moravia, provocando 9 morti e alcuni feriti, si è tolto la vita

polizia-ceca

Un ristorante in Repubblica Ceca è stato protagonista di una tragica sparatoria. È successo nel centro di Uhersky Brod, nell’est del Paese, dove un uomo, armato di pistola, è entrato disinvolto e ha iniziato a sparare sui presenti. Il bilancio della sparatoria è di 9 morti, compreso lo stesso aggressore, che secondo le autorità locali era uno squilibrato. A riferire dell’accaduto è l’agenzia Ctk che cita come fonte il Ministro dell’Interno, Milan Chovanec e secondo cui ci sarebbero altri feriti, tra cui una donna portata subito in ospedale per le sue gravissime condizioni.

Secondo i primi dati riportati, il killer aveva poco più di 60 anni ed era residente nella stessa città della Moravia, Uherkey Brod. L’uomo, molto probabilmente era affetto da disturbi mentali e sarebbe morto durante l’intervento della polizia. Prima di morire avrebbe sparato almeno 25 colpi all’interno del ristorante “Droujba”, che si trova esattamente nel centro della cittadina abitata da 18mila persone. Al momento della sparatoria si trovavano all’interno del locale circa 20 clienti, e tra loro sono stati confermati dalle autorità 9 morti e alcuni feriti. Il killer suicida, secondo la tv privata “Prima” aveva avvertito con una telefonata all’emittente della sua intenzione di commettere questa pazzia. “Sono vittima di bullismo, la gente mi fa male, le autorità non risolvono niente. Quindi vado a regolare i conti”, aveva detto.

Il sindaco della cittadina, Patrick Kuncar, ha spiegato i fatti in diretta televisiva specificando che l’uomo si sarebbe ucciso dopo l’intervento della polizia: “Sono stato informato del fatto che era un uomo della zona, di 60 anni e forse mentalmente instabile. Abbiamo varie misure antiterrorismo, ma possiamo vedere che qui probabilmente a colpire è stato un uomo solo, senza avvertimenti”. Anche il ministro dell’Interno ceco esclude che si possa trattare di un atto terroristico.