Matteo-Renzi

Ieri il presidente del consiglio, ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, ha annunciato la sua nuova mossa a favore delle famiglie. Da gennaio gli 80 euro per chi ne prende meno di 1500 al mese saranno a disposizione anche per le neomamme per un limite di tre anni. “So cosa vuol dire comprare pannolini, biberon e spendere per l’asilo. È una misura che non risolve un problema ma è un segnale”, ha detto il premier. Usufruiranno del bonus per i bebè le famiglie con un reddito sotto i 90mila euro e verranno stanziati circa 500 milioni.
Nel corso del programma domenicale, Matteo Renzi ritorna sull’ipotesi dei tagli alla Sanità: “ È una vergogna solo a dirlo. Non tagliamo i servizi ai cittadini. Contemporaneamente però ci sono spese che si possono tranquillamente tagliare- continua il premier- Non è strano che una siringa in una parte d’Italia costi il doppio rispetto a un’altra? E non ci saranno troppi supermanager?”. Per quanto riguarda il Tfr in busta paga, invece, assicura che sarà libera scelta del cittadino decidere quello che ritiene più opportuno, mentre è deciso a tagliare l’Irap: “c’è da ridurre la tassa sul lavoro. Oggi un imprenditore paga un sacco di soldi, ma molti non arrivano ai lavoratori. La spesa dell’imprenditore se la mangia lo Stato” precisa. Allora, secondo Renzi, è giunto il momento che venga messo a dieta.