Il progetto “Heroin Chic” degli artisti Loral Amir e Gigi Ben Artzi vuole porre l’attenzione sugli effetti disastrosi della droga

prostitute-russe

Siamo abituati a vedere sulle riviste modelle sempre perfette, bellissime, curate oltremisura e che grazie al lavoro minuzioso dei fotografi appaiono quasi eteree e irraggiungibili nelle loro pose e mise da sogno. Ma i professionisti Loral Amir e Gigi Ben Artzi hanno voluto sfidare il clichè delle modelle superperfette senza un capello fuori posto. Così hanno realizzato una serie di scatti definiti ‘scioccanti’ a delle prostitute eroinomani russe. Il progetto è intitolato “Heroin Chic” e mostra alcune prostitute russe agghindate con abiti firmati e attualissimi, rendendole modelle per un giorno. Le donne scelte per questo progetto sono state raccolte dalla strada dai due artisti in luoghi estremi dove il malessere e i rischi sono veramente all’ordine del giorno. Nelle immagini sono mostrate senza alcun ritocco, nessun trucco, nessuna acconciatura e nessuna inibizione. Vestite da abiti appartenenti a firme di lusso quali Miu Miu, Louis Vuitton e Alexander Wang, e coi loro sguardi persi nel vuoto, i capelli unti e i corpi divorati dall’eroina, raccontano nelle foto le loro vite piene di drammi e disagi personali. La volontà dei fotografi era quella di attirare lo sguardo delle persone sulle crude e forti immagini per farle fermare un attimo a ragionare sul grande problema della droga e su disastrosi effetti e conseguenze che essa comporta.