craig spencer

Il numero dei contagiati di Ebola curati fuori dall’Africa sale oggi a 18. L’ultimo ad essere risultato positivo al virus è Craig Spencer, un medico di 33 anni che nei giorni scorsi si è trovato a contatto con alcuni malati in Guinea, dove si era recato per partecipare a una spedizione di “Medici senza frontiere”. Adesso è ricoverato al Bellevue Hospital di New York e sono iniziate subito le ricerche sui luoghi o le persone da lui frequentate negli ultimi giorni per cercare di prevenire ulteriori contagi. Già isolata quindi la fidanzata, due amici e l’autista che lo ha accompagnato da Brooklyn a Manhattan il giorno del suo rientro, quando già aveva i primi sintomi di febbre. Persino la sala da bowling dove si è recato è stata chiusa per precauzione. Il sindaco della Grande Mela Bill De Blasio assicura tutti che non vi è nessun motivo di allarmarsi: “sapevamo che poteva accadere e siamo preparati a fermare il contagio” ha detto in una conferenza stampa. Intanto l’Europa aumenta gli aiuti economici a un miliardo di euro per far fronte all’emergenza in Africa e le ditte farmaceutiche impegnate coi vaccini iniziano ad accelerare i tempi rendendo disponibili centinaia di migliaia di dosi già nella prima metà dell’anno prossimo. Ad annunciarlo, oggi a Ginevra, Marie Paule Kieny, il direttore generale dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità).