Succedeva più di trent’anni fa nel Regno Unito. L’inchiesta riguarda violenze sessuali e abusi su minori, e secondo un’affidabile testimonianza, anche tre omicidi. Le giovani vittime erano violentate anche col consenso dei genitori.

2792384-london

Anni Settanta e Ottanta tra festini di pedofili con tanto di consenso dei genitori, orge, e persino omicidi. Succedeva nel Regno Unito, dove personaggi importanti di politica o del mondo dello spettacolo abusavano periodicamente di minori. Un’inchiesta ufficiale va già avanti da mesi per quanto riguarda le violenze sessuali, ma adesso si parla anche di omicidi (precisamente tre). Tutto si basa su alcune testimonianze, ritenute attendibilissime dalla Scotland Yard, la polizia dell’area metropolitana di Londra. Il teste, un 40enne che si fa chiamare ‘Nick’, esce finalmente allo scoperto, e racconta di aver visto, circa trent’anni fa, un parlamentare strangolare un giovane ragazzo all’interno di un hotel di lusso. Nick probabilmente ha fatto alla polizia anche il nome dell’assassino descrivendolo come un uomo che terrorizzava tutti i bambini. E proprio tra questi bambini, vittime di continui abusi, si trovava anche lui. Racconta così gli episodi scioccanti che hanno caratterizzato parte della sua adolescenza: “ Venivo prelevato a casa, con il benestare di mio padre, mi caricavano sulle auto di lusso dei politici e mi portavano ai loro festini. È successo almeno dieci volte”, ricorda con rabbia Nick.

Secondo le indagini, la prima morte avvenne per vendetta, quando un bambino di dieci anni venne investito da una macchina. Si trattava di un perverso gioco che prevedeva la caccia ai minorenni che si rifiutavano di concedersi. Il secondo omicidio avvenne in presenza proprio di Nick in una stanza d’albergo, dove l’innocente 12enne fu prima stuprato e poi strangolato. Poco più di un anno dopo ci fu la terza uccisione per mano di due sconosciuti di fronte a un deputato che osservava compiaciuto. Sempre secondo testimonianza, si parla di una vera e propria uccisione sacrificale, come fosse un’iniziazione.

Nick, con l’aiuto di un team di avvocati, ha scritto al premier David Cameron per chiedere un allargamento dell’inchiesta ufficiale in corso. “Ho ancora difficoltà a parlare dell’omicidio del ragazzo strangolato, ma questo parlamentare era particolarmente disgustoso, anche rispetto alle altre persone che ci violentavano. Molti di loro potrebbero essere già morti, ma per me è ancora difficile ricordare”, ha concluso Nick. La polizia, dopo la descrizione delle macchine di lusso (Jaguar, Rolls-Royce, Daimler e Range Rover), cercherà anche di individuare gli autisti, il personale degli hotel e chiunque possa essere a conoscenza delle atrocità compiute in quegli anni da questi pedofili, che col loro potere riuscivano a nascondere tali soprusi.