Secondo l’Oms l’ideale per la salvaguardia di grandi e piccini sarebbe portare la dose di zucchero quotidiana al di sotto del 5%, cioè circa 6 cucchiaini di tè. Si eviteranno, oltre che il diabete, obesità e carie

zucchero

Se non volete mettere a rischio la vostra salute utilizzate lo zucchero con parsimonia. Lo raccomanda l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). È consigliato dimezzare la dose quotidiana di zucchero che si assume regolarmente per portarla a meno del 10% del consumo energetico totale. Al di sotto del 5% sarebbe invece l’ideale per la salvaguardia di grandi e piccini. Un consumo giornaliero del 5 % di zuccheri equivale a 6 cucchiaini da tè, circa 25 grammi, per una persona adulta di corporatura normale.

Si dovrebbero limitare gli zuccheri contenuti in altri alimenti, come il ketchup o nelle bevande come la soda. I cibi o le bevande che contengono un alta quantità di zuccheri infatti causano numerosi problemi di salute, come obesità e carie dentali. Le nuove linee guida, presentate ieri a Ginevra, riguardano gli zuccheri liberi monosaccaridi (glucosio, fruttosio), i disaccaridi (come saccarosio aggiunto ad alimenti e bevande), e quelli naturalmente presenti nei cibi, nel miele e nei succhi di frutta. Attenendosi a queste linee guida sarà più facile mantenere il peso corretto ed evitare il diabete.

Il pericolo reale sta negli alimenti trasformati che contengono zuccheri ma che normalmente non consideriamo dolci, come appunto il ketchup che contiene circa 4 grammi di zucchero. Una lattina di bibita gassata invece ne contiene ben 40 grammi, come se si assumessero 10 cucchiaini di zucchero in una volta. E come se non bastasse questi alimenti sono calorie vuote, cioè non danno benefici nutrizionali ma portano solo ad un aumento di peso.
L’Oms consiglia di seguire le linee guida presentate a Ginevra e lo chiede a tutti i governi e alle autorità sanitarie con l’obiettivo di migliorare la salute e la vita di tutti i cittadini.