Il leader del Ncd si dice pronto a sfidare il Pd e a creare un nuovo polo di serietà, competenza e buon senso: “Le regionali saranno l’avvio di questo processo”. E precisa: “Non saremo mai con l’estrema destra”

Alfano

“Le posizioni estreme di Salvini sono comode ma sono solo sue e se ti avvicini, come ha fatto Forza Italia, rischi di diventarne lo scendiletto. Noi abbiamo un’ ambizione più grande: costruire tra Renzi e Salvini un polo in grado di vincere. Le regionali saranno l’avvio di questo processo”. Queste le ultime dichiarazioni del leader del Ncd Angelino Alfano, dove sottolinea che il suo partito “non sarà mai con l’estrema destra”.

“Il Ncd non è portatore d’acqua del Pd, dal momento che su tasse, giustizia e lavoro abbiamo concorso a cambiare schema”, ha poi aggiunto il titolare del Viminale . E per quanto riguarda le elezioni regionali precisa: “Saranno l’incubatore politico e elettorale di un’area popolare e liberale in grado di sfidare il Pd al ballottaggio”. “Le elezioni europee per noi sono state l`esordio: 4,4% con 1,2 milioni di voti. Le regionali in Calabria la conferma con il 9%. Oggi abbiamo la nuova sfida: l`area popolare che continua ad aggregare oltre il perimetro di Ncd e Udc. Se ce la facciamo questa volta, tutto sarà pronto per il nuovo progetto”.

“Dobbiamo utilizzare il nuovo sistema: visto che il premio è alla lista, dobbiamo essere noi a creare una lista che rappresenti un polo della serietà, della competenza, del buon senso. Del resto, tra uscita dall’Europa, ritorno della lira, morte agli immigrati, la Lega e Salvini prenderanno tutte le posizioni estreme, apparentemente fruttuose sul momento, ma perdenti perché non possono neanche sognare di prendere il 51% dell`elettorato e quindi col ballottaggio non hanno chances”, ha aggiunto Alfano sottolineando che “in Campania FI ha scelto Salvini e, di fatto, gli ha consegnato la leadership”. “Noi crediamo di andare avanti con Caldoro e non per Forza Italia, ma per quanto fatto insieme a lui fin qui e per quanto potremo fare”, ha concluso il numero 1 del Ncd.