violentava il figlio

Ha violentato per un anno il figlio di 11 anni diffondendo poi in rete le immagini del rapporto sessuale e proponendo il ragazzo via web ad eventuali pedofili. L’orrida vicenda è accaduta a Napoli ed è stata scoperta dalla Polizia municipale che ha arrestato l’orco, un uomo di 44 anni.

L’indagine sta continuando per verificare l’eventuale esistenza di una rete di pedofili ben più larga. Ad aiutare sarà il materiale sequestrato dai vigili urbani nell’abitazione dell’uomo, su disposizione della Procura e il coinvolgimento di quella per i Minori. Sono stati ritrovati personal computer, tablet e cellulari con contenuti pedopornografici. Nel corso delle indagini, gli uomini del nucleo Tutela minori della Polizia municipale di Napoli, capitanati da Sabina Pagnano, hanno incastrato l’uomo utilizzando profili falsi e spacciandosi per pedofili interessati ad incontrare il figlio. Così dopo aver fissato un appuntamento si sono presentati per arrestare il 44enne.

Dalle indagini è risultato che l’uomo passava gran parte del suo tempo libero in rete, proponendo numerosissime foto del figlio undicenne in pose oscene e cercando nuovi contatti per programmare incontri a sfondo sessuale col minorenne. Gli agenti partendo dal suo nickname e incrociando le informazioni con i profili del pedofilo presenti in altri social network sono risaliti alla sua identificazione. Adesso la famiglia dell’uomo, composta da moglie, vittima e un altro figlio, sarà sostenuta dall’aiuto di psicologi e assistenti sociali. Il bambino dopo ore e ore si è liberato raccontando tutte le violenze e gli abusi che ha dovuto subire da mesi dal padre. Il suo orco invece ha subito confessato