I due inviati del tg satirico sono stati sospesi in seguito a una segnalazione alla redazione. Il Gabibbo: “Quando tutto sarà chiaro vi faremo sapere”. Già si pensa ad alcune ipotesi, ma si attende il chiarimento definitivo tra Ricci e Fabio e Mingo nelle prossime ore

Fabio e Mingo

Fabio e Mingo sono stati sospesi a sorpresa dal ruolo di inviati di Striscia la Notizia. A dare l’annuncio è stato il Gabibbo che la scorsa settimana aveva già svelato ai telespettatori la decisione presa da Antonio Ricci, patron del tg satirico di canale 5 campione di ascolti. Le motivazioni di tale decisione al momento sono ancora un mistero.

Queste le parole del Gabibbo: “Cari telespettatori, abbiamo ricevuto una segnalazione che può mettere in discussione il rapporto di fiducia con la redazione pugliese di Fabio e Mingo. Da subito sono stati sospesi da inviati. Quando tutto sarà chiaro vi faremo sapere”. Poi la chiosa: “Qui siamo a Striscia, mica a MasterChef”, ha sottolineato in riferimento alle polemiche di queste ultime settimane con il noto talent cooking show. Il chiarimento definitivo tra Ricci e Fabio e Mingo, al secolo Fabio De Nunzio e Domenico De Pasquale, potrebbe arrivare già nelle prossime ore.

Secondo le indiscrezioni, la sospensione dei due inviati di Striscia dovrebbe essere relativa al caso del servizio incentrato su una compravendita edilizia effettuata dall’Asl di Pescara. Fabio e Mingo avevano consegnato diversi giorni fa un ‘provolone d’oro’ al direttore generale della Asl pescarese Claudio D’Amario per l’acquisto di un palazzo in via Rigopiano costato alla Asl 2,8 milioni di euro, poco meno di due milioni di euro in più rispetto a quanto, cinque anni fa, il palazzo era costato al proprietario. Nel servizio erano state mostrate immagini di un supermercato chiuso, ma non quello comprato dalla Asl, che ha quindi annunciato di voler sporgere querela per calunnia e diffamazione. “Ho spiegato per circa mezz’ora la questione, ma la realtà dei fatti è stata deformata. Striscia la notizia è seguita in media da 8 milioni di telespettatori, è inammissibile una cosa del genere: di conseguenza, dopo aver valutato bene qual è la Procura di competenza sporgeremo denuncia e chiederemo il sequestro della puntata e il risarcimento dei danni subìti dalla Asl e dal sottoscritto”, aveva detto D’Amario.

Altri quotidiani invece svelano che l’allontanamento sarebbe stato causato da alcune attività extra, non in linea con il programma satirico, di uno dei due inviati.

La coppia è stata immediatamente contattata dai giornalisti, ma il riserbo è massimo. Unico accenno all’episodio è un commento su Facebook di Fabio dove si legge: “Grazie amici di fb. Vi voglio bene. Siete tutti nel mio cuore. Presumibilmente stasera se ne saprà di più, ma i fan sperano che non si tratti dell’ennesima bufala… altrimenti sì, che Striscia potrebbe essere definita peggio di Masterchef”.