Mike Tyson ha dichiarato di essersi ispirato al fascista italiano Benito Mussolini per rappare insieme a Madonna il singolo “Iconic”. Inevitabili le polemiche, ma precisa: “Ne apprezzo solo il temperamento”

mike-tyson.

Nel suo ultimo album “Rebel Hearts”, la cui uscita è prevista per il 10 marzo, Madonna si è avvalsa delle collaborazioni di Nicki Minaj, Kanye West, Nas, Chance the Rapper e persino di Mike Tyson, che nel brano “Iconic” farà un’incursione cantata.

Ad attirare l’attenzione mediatica in questi giorni è stato proprio il 48enne ex pugile e campione del mondo di pesi massimi che ha lasciato delle dichiarazioni alquanto discutibili, soprattutto qua in Italia. Ha infatti spiegato che, per la parte rap che andrà a interpretare in una delle 19 tracce dell’ultimo album della Material Girl, si sarebbe ispirato ad una figura storica che ha tenuto sotto scacco la nostra nazione. Stiamo parlando dell’ultimo dittatore italiano Benito Mussolini. Ecco le sue parole: “Quando l’ho fatto, ho pensato di essere uno come Benito Mussolini. Cioè un tipo molto arrogante ma da cui si può comunque tirar fuori qualcosa di buono ed edificante, se visto nella giusta prospettiva. Voglio dire: quando ti capita di vedere Mussolini in tv, anche se non capisci quello che sta dicendo, non puoi non trovarlo ipnotico. Ecco, è proprio questo il modo in cui ho cercato di vedermi per riuscire a rappare. So che la gente potrebbe darmi del fascista dopo queste dichiarazioni ma, ragazzi, si può trarre qualcosa di positivo studiando il suo modo di parlare. Non mi meraviglio che Hitler sia rimasto affascinato da lui. Questo tizio era davvero carismatico, ipnotico. C’è così tanto orgoglio dietro a quello che dice. Anche se non sono italiano, lo percepisco chiaramente nel suo argomentare. Aveva un vero e proprio swag da strada: muoveva le mani e la testa come se stesse facendo hip hop, molto prima della nascita dell’hip hop”.

Nonostante Tyson abbia sottolineato che di Mussolini condivida solo il suo temperamento e non il pensiero politico, le polemiche sono state e saranno ancora destinate ad essere innumerevoli. Ancora nessuna dichiarazione ufficiale da parte di Madonna a riguardo, ma non sorprenderebbe che l’artista apprezzi anche questo tipo di pubblicità ‘negativa’, purchè si parli del disco. Del resto anche lei stessa qualche settimana fa aveva scatenato un putiferio accostandosi a icone come Mandela, Martin Luther King e persino Gesù Cristo.