Il presidente della Repubblica durante la consegna agli imprenditori del premio Leonardo per il made in Italy ha chiesto a tutti di fare la loro parte per vincere la sfida dell’ammodernamento del Paese, perché “si potrà vincere questa partita soltanto se l’Italia si muoverà insieme”

Mattarella

“Troppi posti di lavori persi e tanta capacità produttiva sono andati perduti in questi anni”. E’ l’allarme lanciato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenuto alla cerimonia per la “Giornata Qualità Italia”. “Invertire la rotta è il compito che abbiamo avanti”, ha aggiunto.

Durante la consegna agli imprenditori del premio Leonardo per il made in Italy, il Capo di Stato ha chiesto a tutti di “fare la loro parte per vincere la sfida dell’ammodernamento del Paese. Vinceremo questa partita soltanto se l’Italia si muoverà insieme. Nel rispetto e nel confronto tra idee diverse, comunque non smarrendo mai la percezione del bene comune”. “Alla politica tocca il compito di combattere la corruzione che è diventata intollerabile, perché la politica è la responsabile di oneri e di alterazioni di competitività intollerabili per il paese e per il sistema delle imprese” ha detto Mattarella, aggiungendo che “bisogna ridurre le lungaggini burocratiche, contrastare l’illegalità, combattere senza riserve le mafie”.

“Il governo ha saputo tenere testa alla difficile congiuntura finanziaria internazionale. E’ stata opera di merito, ma adesso occorre la prosecuzione sulla strada di necessarie riforme e iniziative per la crescita, concertate a livello dell’Ue”, ha proseguito Mattarella.

“Un ruolo importante per il futuro del Paese lo avrà la Pubblica amministrazione chiamata ad aiutare la modernizzazione dell’Italia mettendo a sistema le proprie intelligenze, mantenendosi ancorata, nell’azione, ai principi della Costituzione e adeguandosi rapidamente alle potenzialità delle nuove tecnologie e alle sensibilità dei cittadini che chiedono trasparenza, semplicità degli adempimenti, coerenza delle decisioni”, ha concluso.