Baldini risponde all’accusa di aver abbandonato il programma condotto insieme a Fiorello a causa del vizio dell’azzardo: “Gli amici mi hanno voltato le spalle facendomi cattiva pubblicità”

baldini

Dopo l’abbandono di “Fuoriprogramma”, la trasmissione che conduceva accanto all’amico di sempre Fiorello su Rai 1, e le numerose critiche ricevute per tale motivo, Marco Baldini ha deciso di rendere noto su un social network le sue motivazioni per zittire le malelingue. Principalmente si pensava infatti che Baldini, avesse lasciato per sempre il programma a causa del suo debole per il gioco d’azzardo. Il conduttore fiorentino non ha mai negato di avere problemi economici e debiti finanziari, ma proprio quando stava finendo di risolvere quasi totalmente la situazione ha perso all’improvviso il lavoro. “ In tutti i giornali ho letto che sarei nei guai a causa del gioco. Scusate il gioco di parole, ma non ci sto più a questo gioco”, ha scritto sul web, “ho abbandonato l’attività ‘ludica’ nel 2009 e magari questa situazione è imparentata con errori passati dovuti al mio vizio, ma stavolta i motivi veri sono diversi”, ha continuato Baldini. Continua a spiegare che ha sempre lottato finchè ne avesse le forze, nonostante fosse difficilissimo, ma ad un certo punto le persone che considerava amiche gli hanno voltato le spalle facendogli spesso anche cattiva pubblicità: “non ricevevo più importanti offerte di lavoro perché molti produttori, a causa dei mio vizio, scartavano il mio nominativo”.
Marco Baldini ha ricordato che per avere un futuro migliore e rimediare agli errori lavorava in 4 posti diversi e dormiva solo 4 ore a notte. Inoltre grazie alla vittoria de “La Fattoria” nel 2009, aveva intascato 100 mila euro, somma non indifferente che l’avrebbe aiutato a risollevarsi un po’ dai debiti. Ma come sappiamo, a onor del vero, aveva devolto tutto agli abitanti di L’Aquila colpiti dal devastante terremoto. Scrive così infine contro i finti moralisti: “Si è vero, c’è chi ha tre figli ed è stato licenziato ma c’è anche chi guadagna 10 milioni all’anno e se ne fotte del prossimo e allora cercate di fare una media“.