Attraverso congressi e convegni, mostre ed esposizioni di progetti, la Maker Fair di Roma offre, a grandi e piccini, la possibilità di conoscere, scoprire e approfondire tutto ciò che concerne l’arte del “maker”. Le proposte, spesso presentate da ricercatori o appassionati, hanno un denominatore comune: il fai da te

Maker Faire: cosa comporterà l'edizione 2018

Sfruttando creatività e nozioni di tecnologia per creare ed elaborare nuove invenzioni innovative che possano migliorare la vita di tutti i giorni. È con tali obiettivi che si svolgerà la Maker Faire di Roma che, attraverso invenzioni autoprodotte da studenti, ricercatori o professionisti, si celebrerà l’inventiva creativa in tutti i suoi pregi. Tramite conferenze, rassegne, convegni, condivisione di progetti e confronti, ogni curioso e appassionato potrà cogliere tutto il significato della manifestazione nonché spunti per idee e riflessioni. Con l’obiettivo di raggruppare e coinvolgere ogni appassionato “maker” da tutta Europa, la Maker Faire di Roma The European Edition è ad oggi la più grande fiera al di fuori del suo luogo natale. Infatti, la fiera che celebra il fai da te in ambito tecnologico, prende vita dalla zona di Bay Area di San Francisco. L’iniziativa fu lanciata nel 2006 dalla rivista Make Magazine, una delle più conosciute porta voci delle Maker Faire. Da allora, le fiere del fai da te innovativo, sono diventate molto più diffuse, arrivando anche nel vecchio continente e raccogliendo giornalmente nuovi fan e appassionati.

Dall’ambito biomedico allo scientifico
Dopo aver registrato circa 100mila presenze nell’edizione del 2017, la Maker Faire Rome 2018, si propone di offrire sale espositive che saranno accessibili ad esperti e principianti, giovani studenti o curiosi così come ad intere famiglie. I visitatori, inoltre, potranno interagire con le sale conferenze, con le aree dedicate alle mostre e quella dedicata all’Economia Circolare. Quest’ultima tratterà del riciclo e della sostenibilità, mentre attraverso workshop e speaker si andranno a trattare temi come il “circolo virtuoso dei rifiuti”. Tra le tematiche più calde anche l’impiego dell’energia attraverso i rifiuti, con l’obiettivo di plastica zero o delle abitudini da intraprendere per migliorare l’ambiente. Tra i sette padiglioni disponibili, una sala sarà adibita a dare visibilità per moltissime idee e progetti che coinvolgano la quotidianità o l’innovazione. Proprio per questo le invenzioni esposte coinvolgeranno il campo scientifico, l’ingegneristico, il biomedico, manifatturiero e robotica.

In moltissime le invenzioni che riguarderanno l’internet of things, ma arrivando anche a toccare il food innovation, arte e spettacolo, scienza e business con progetti maker e tecnologie avanzate dedicate a salute e benessere. In questo frangente, verranno premiate le soluzioni più originali e le tecnologie in grado di migliorare la vita di pazienti con malattie gravi. Aree Kids & Education permetteranno poi anche a più piccoli di sensibilizzarsi sulle tematiche riguardante l’ambiente con intrattenimenti e gadget. Organizzata da Innova Camera, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Roma, la Maker Faire si terrà in zona Fiera di Roma dal 12 al 14 ottobre, con ingresso speciale per studenti universitari solo per il venerdì a 3 euro. Il biglietto valido solo per l’ingresso di venerdì 12 ottobre tra le ore 14:00 e le 19:00.

Per ulteriori informazioni: http://ow.ly/okZL30lnD2B.