Il lottatore messicano è morto sul ring davanti a centinaia di persone sbigottite dopo un calcio volante sul collo ricevuto dall’ex stella WWE Rey Mysterio jr, che adesso risulta indagato per omicidio colposo. Sotto accusa anche i soccorsi tardivi ed inutili

Aguayo Ramirez morto sul ring

Lutto nel mondo del wrestling. Un drammatico incontro in Messico ha causato la morte del 35enne Pedro Aguayo Ramirez per un colpo inferto dall’ex stella WWE, Rey Mysterio jr. Fatale un calcio al volo sul collo che gli ha procurato un trauma alla colonna vertebrale. Il match, che prevedeva uno scontro di coppia tra Aquayo e Manik contro Rey Mysterio e Xtreme Tiger, è però continuato per quasi due minuti prima che i lottatori, l’arbitro e il pubblico, nella foga del match, si accorgessero della gravità delle condizioni di Ramirez, che è rimasto praticamente immobile e privo di sensi tra le corde del ring. Quasi alla fine dell’incontro l’avversario Rey Mysterio, insospettito che ancora Ramirez non fosse in grado di rialzarsi, si è avvicinato a lui constatando che il rivale era in gravissime condizioni. E la causa è stata proprio il calcio volante che l’ha colpito al collo arrecandogli il fatale trauma al midollo spinale. I soccorsi lo hanno trasportato il prima possibile in ospedale, ma ogni tentativo è stato inutile. Il lottatore messicano era già morto sul ring davanti agli occhi sbigottiti e terrorizzati di centinaia di persone.

Aguayo Ramirez, figlio del mitico Pedro ‘Perro’ Aguayo, ex campione messicano e membro della Aztec lucha hall of fame, ha iniziato la sua carriera nel wrestling ad appena 15 anni.

Dopo il decesso sono state prese in esame le immagini dell’incontro ed è stata aperta un’indagine preliminare per omicidio colposo. Indagato proprio Rey Mysterio che ha sferrato il calcio volante che quasi con certezza ha provocato la morte del lottatore messicano. Sotto accusa anche i soccorsi tardivi ed inutili.