L’Isis vuole creare un corridoio fino al confine con la Turchia in modo da facilitare il passaggio di armi e mercenari. Presi in ostaggio centinaia di cristiani caldei e bruciata una chiesa a Tal Hermez

isis

I combattenti dell’Isis continuano a incutere terrore. Questa volta hanno assalito e preso in ostaggio un intero villaggio. È successo nelle prime ore del mattino nei pressi di Tell Tamer, vicino Al-Hasakah, dove è registrata un’altissima popolazione assiro-caldeo-siriaca. Lo ha riferito Newsweek, fonte contattata da alcuni abitanti del luogo. I jihadisti dopo aver fatto irruzione avrebbero separato le donne e i bambini dagli uomini, poi hanno preso in ostaggio alcuni degli abitanti e li hanno portati sulle montagne di Abd al-Aziz. Le donne e i bambini sono rimasti al villaggio sotto sorveglianza dei militanti. Il numero degli ostaggi non è ancora stato rinvenuto, ma sembra che potrebbe trattarsi addirittura di diverse centinaia. Si ipotizza che l’intento dell’Isis è quello di utilizzarli come merce di scambio, chiedendo per la loro liberazione la consegna di prigionieri nelle mani dei combattenti curdi impegnati nella lotta contro l’Isis. In caso contrario li ucciderà senza scrupoli.

Dell’irruzione lo ha riferito uno degli ostaggi del villaggio che è riuscito a contattare un parente in Canada, che ha quindi avvertito a sua volta l’associazione “A Demand For Action” (Adfa), impegnata nella protezione della popolazione assiro-caldeo-siriaca. Il fondatore dell’Adfa, Nuri Kino, ha riferito a Newsweek di essere costantemente in contatto con diversi dei parenti degli ostaggi, alcuni dei quali in Svezia e Germania, e di aver provato anche a contattare gli abitanti del villaggio. Al telefono ha però risposto un militante dell’Isis che ha poi riattaccato. Chi di dovere sta cercando di ricostruire l’accaduto, anche se con molte difficoltà, perché non si sa ancora quale sia il numero esatto dei miliziani implicati nell’attacco, che è stato descritto dalla fonte come ‘enorme’ e in ‘un clima di completo panico’.

Nel frattempo è stato comunicato dalla stampa siriana che i combattenti estremisti dello Stato islamico stanno attaccando anche diversi villaggi in Siria, come Tal Hermez, Tal Riman, Tal Shamiram e Al-Agibash, uccidendo decine e decine di persone. L’agenzia siriana Sana ha riferito citando fonti locali che è stata anche bruciata una delle chiese siriane più antiche, a Tal Hermez. Lo scopo dell’Isis è quello di imporre il suo dominio in tutto il territorio e creare una specie di corridoio che giunga fino al confine con la Turchia. In questo modo sarà per loro più facile il passaggio di armi e mercenari.