Il campione del Barcellona sarà processato insieme al padre per aver evaso il fisco di 4,1 milioni di euro per la gestione dei diritti d’immagine. Dovrà presto presentarsi in tribunale dopo la respinta richiesta di ricorso

messi

Lionel Messi nei guai per frode fiscale

L’asso del Barcellona e quattro volte Pallone d’Oro, Lionel Messi, è accusato insieme al padre Jorge Horacio di frode fiscale. L’evasione ammonta a ben 4,1 milioni di euro dal 2007 al 2009, che dovevano essere versati per la gestione dei diritti dell’immagine del calciatore. Il giudice spagnolo ha respinto la richiesta di ricorso presentata dai loro legali, ritenendo inevitabile la presenza in tribunale di Messi per difendersi dalle accuse. In realtà il principale artefice è il padre, ma secondo il magistrato è sufficiente il fatto che Lionel fosse a conoscenza della creazione di Horacio di una struttura societaria ideata ad hoc per eludere il fisco. Per evitare ulteriori guai legali ha già versato i 10 milioni di euro per i diritti d’immagine del 2010 e 2011.