Antonio Pappano

La Sala Santa Cecilia dell’Auditorium Parco della Musica ieri sera, dalle 19:30, si è trasformata in un teatro d’opera. Applausi interminabili per l’evento musicale dell’anno a Roma e alla fine della arie più famose. Standing ovation finale per l’esecuzione dell’Aida in forma di concerto, diretta da Antonio Pappano e con un cast eccezionale. Il soprano Anja Harteros ha portato in vita una straordinaria Aida con musicalità, classe e temperamento. L’unico intoppo nell’interpretazione, non dovuto alla grande artista, è stato sul finire, quando è stata compromessa da alcuni problemi tecnici soprattutto nel registro acuto. Accanto a lei, nel ruolo di Radames, il tedesco Jonas Kaufmann, che ha superato la difficilissima prova con intelligenza e una perfetta musicalità a cominciare dalla celeberrima ‘Celeste Aida’ d’inizio. Il mezzosoprano Ekaterina Semenchuk ha interpretato invece con estrema sicurezza Amneris. Grandi risultati per Erwin Schrott nel ruolo di Ramis, Paolo Spotti in quello del Re e Ludovic Tézier che ha interpretato Amonasro. A completare l’applaudito cast che ha supportato il direttore Pappano anche Paolo Fanale (Messaggero) e Donika Mataj (Gran sacerdotessa). Non poteva fare di meglio il Coro, istruito da Ciro Visco.

“Fare Aida in questo momento è giusto perché la sala grande è una cornice ideale, anche se ci sono scene intime e di grande respiro. C’è una attenzione internazionale e una grande attesa, che non andrà disillusa se i cantanti si dimostreranno all’altezza”, aveva detto Pappano solo poche ore prima all’inizio. E così è stato. Nessuna disillusione e cantanti più che all’altezza. “Dobbiamo cogliere quest’occasione perché è difficile trovare i cantanti giusti e le regie a volte presentano difficoltà. Per le voci le richieste verdiane sono pazzesche e non devono andare a scapito della raffinatezza. In forma di concerto ci si può concentrare sulla musica e ognuno può farsi la sua regia. Aida è un evento e lo è sempre stato”, aveva concluso.

Come lo stesso direttore ha confermato, per l’attesa serata era già tutto esaurito da mesi e il pubblico amante dell’Opera è accorso con curiosità e interesse da mezzo mondo, dal Giappone al Sud America. Nessun commento negativo per la strabiliante opera teatrale di Pappano, che a fine serata ha ricevuto 15 lunghissimi minuti di applausi. E questo grazie alla grandissima esperienza del direttore d’orchestra che si è completamente fusa con i complessi ceciliani giungendo, grazie a voci sublimi e particolari e linee interne, a un lavoro di raffinatezza quasi impossibile da superare.