L’ordigno è esploso quando un collaboratore della rivista Adimlar, ritenuta “filo-Isis”, ha aperto la porta rimanendo ucciso. Altri tre feriti adesso sono ricoverati nei vicini ospedali

bomba davanti a rivista islamica

Una bomba è esplosa nella notte davanti agli uffici di una rivista islamica, a Istanbul, nel quartiere popolare di Kagithane. Il bilancio è di un morto e tre feriti. Lo ha reso noto la polizia locale che ha specificato che l’ordigno esplosivo era stato deposto davanti alla porta della rivista Adimlar (Passaggi), un mensile filo-Isis. E’ poi esploso quando Unsal Zor, collaboratore del magazine, recatosi a lavoro ha aperto la porta dell’ufficio.

Il quotidiano turco Zaman ha precisato che Adimlar è molto vicina al gruppo Fronte radicale islamico Ibda-C, che condanna la leadership secolare del Paese e sostiene invece che sia necessario arrivare a una guida di stampo islamico. Al momento non sono chiari i motivi dell’apparente attentato, che potrebbero essere legati sia alla politica che ad azioni criminali, e le autorità hanno spiegato che ancora non ci sono state delle rivendicazioni. Da quanto riportato risulta che l’esplosione, oltre a causare la morte di un collaboratore della rivista, ha distrutto anche parte della facciata, e precisamente al terzo piano del palazzo dove si trova la sede del periodico. Grande spavento per gli altri tre feriti, che sono riusciti a cavarsela e sono stati subito ricoverati negli ospedali della zona. Il probabile attentato alla rivista islamica è arrivato a 2 mesi e mezzo dalle cruciali elezioni politiche turche del 7 giugno.