Dopo la decapitazione di Alan Henning, nuovo video diffuso dall’Isis in cui un britannico di 27 anni pronuncia minacce contro la Gran Bretagna

Isis, jihadista britannico a volto scoperto

Isis, jihadista britannico a volto scoperto attacca Cameron

Davanti alla telecamera un jihadista a volto scoperto, si fa chiamare Abu Saeed al-Britani e, qualificandosi combattente dello Stato islamico, incita alla jihad i musulmani britannici.
Si rivolge con un chiaro accento inglese al premier David Cameron condannando i raid contro l’Isis in Siria e in Iraq: “No ai raid aerei, se sei un vero uomo manda qui tutte le tue truppe a combattere”.
Secondo i media britannici si tratterebbe di un giovane di 27 anni britannico, ex guardia di sicurezza per un supermercato, partito per la Siria a gennaio.
La Gran Bretagna è a lutto, in centinaia sono scesi in piazza a Londra per protestare contro i raid britannici in Iraq.
Cameron ha dichiarato che non cambierà strategia contro l’Isis ma sostiene che per la famiglia del tassista di Manchester il governo non abbia fatto abbastanza.
Il cognato di Henning riferisce che “Per una persona che era andata lì per fornire aiuto e aiutare i loro bambini, fare quello che hanno fatto loro non ha senso”. La moglie chiede silenzio e rispetto, mentre la comunità musulmana di Manchester molto vicina al volontario ucciso e definito “eroe locale e nazionale” considera la sua esecuzione “l’inizio della fine” per l’Isis sostenendo che “I terroristi dello Stato islamico sono un insulto alla religione islamica stessa”.