13 arresti a Montaquila a Villa Flora per maltrattamento ad anziani e malati psichici. Il procuratore: “Li legavano ai letti e li trascinavano per terra nella sporcizia. Sembravano internati ad Auschwitz”

villa-flora-montaquila

Isernia, clinica dell’orrore

La clinica dell’orrore si trova a Montaquila, in provincia di Isernia, dove sono state arrestate 13 persone per maltrattamenti, sequestro di persona, lesioni, percosse ed abbandono di incapaci. In manette oltre a infermieri, operatori socio-sanitari e un medico, anche il titolare della struttura Francesco Rossi, sindaco di Montaquila. I carabinieri sono corsi in azione dopo aver visto ore e ore di riprese riprovevoli di una registrazione a Villa Flora a seguito di una segnalazione da parte di familiari di un paziente che presentava duri segni sul corpo. Paolo Albano, procuratore capo di Isernia, racconta come i pazienti di quella struttura sembrassero degli internati ad Auschwitz: “venivano legati ai letti, trascinati per terra, abbandonati nella sporcizia e le loro grida erano inascoltate”. Inoltre dice Albano che uomini e donne venivano lavati nello stesso bagno e asciugati con le lenzuola sporche. Immediato il commento di Beatrice Lorenzin: “Il quadro emerso dal resoconto e dalle immagini ci rappresenta una realtà drammatica che nulla ha a che fare con una casa di cura. Il comportamento di questi operatori va punito assolutamente”, dichiara il ministro della Salute. 20 sono gli altri indagati in questa terribile vicenda.