Casa Bianca

Non è uno scherzo. Il direttore del Secret service, Joseph Clancy, ultimamente bersagliato da accuse di inadeguatezza nella protezione alla famiglia Obama, chiederà al Congresso finanziamenti per 8 milioni di dollari per l’intenzione di costruire una replica perfetta della Casa Bianca. L’obiettivo di Clancy è quello di addestrare al meglio i propri agenti in modo da operare senza errori se necessario nella reale residenza del presidente Usa. La finta Casa Bianca verrebbe costruita a circa una trentina di chilometri da quella vera, nel centro di addestramento del Secret service, nel sud del Maryland.

Il New York Times ha rivelato che Clancy avanzerà oggi la proposta davanti alla commissione della Camera dei Rappresentanti che vaglia le leggi di spesa del governo federale. Gli agenti però a servizio di Barack Obama e della sua famiglia dispongono già a Beltsville di una replica ‘rudimentale’ della casa più importante d’America, ma evidentemente non è ritenuta all’altezza per esercitazioni che dovrebbero essere il più realistiche possibile.

La richiesta è avanzata proprio in un momento molto difficile per il Secret Service che sta subendo continue critiche per il suo operato negli ultimi mesi. Come quanto successo a settembre, quando un uomo armato di coltello era riuscito ad entrare nel recinto della Casa Bianca raggiungendo la East Room, nell’edificio principale. Proprio lì è stato arrestato dalle forze speciale, il cui compito era però fermare il soggetto prima che potesse penetrare nell’abitazione. L’ultimo episodio da cancellare ha coinvolto due agenti ubriachi che sono andati a sbattere con l’auto di servizio contro una delle cancellate della Casa Bianca. Davvero imbarazzante per il Secret Service, sino ad oggi impeccabile. Adesso toccherà al Parlamento decidere di dare il consenso o meno per una costruzione più realistica della dimora del presidente degli Stati Uniti.