Luca Baggio e Matteo Toscani hanno depositato già la richiesta di costituire un nuovo gruppo denominato “Impegno Veneto”. Salvini: “Ho stima di Tosi, spero che nessuno voglia rompere”

tosi

I seguaci di Tosi, Luca Baggio e Matteo Toscani, hanno depositato presso l’ufficio di presidenza del Consiglio regionale del Veneto la richiesta di poter costituire un nuovo gruppo in consiglio regionale. “Impegno Veneto” è il nome che hanno scelto. Farà parte del gruppo anche Francesco Piccolo, ex FI e autore dell’emendamento per l’introduzione del ballottaggio per la legge elettorale. Lasciano la Lega Nord dunque, anticipando in consiglio regionale la scissione di Tosi data per imminente nel consiglio nazionale della Lega previsto per domani, giovedì 5 marzo.

Questa mossa non fa altro che infiammare ancora di più la lotta politica tra Flavio Tosi, sindaco di Verona e Luca Zaia, governatore uscente e ricandidato all’unanimità dal consiglio federale della Lega alla guida della Regione. Ma Zaia non sente il pericolo e in una conferenza stampa ha voluto commentare l’uscita dei due consiglieri dalla Lega: “La loro uscita rientra nelle regole della democrazia. Tempo fa un altro consigliere era uscito. Immagino che questa campagna elettorale e l’avvicinamento alla data fatidica del voto ponga delle questioni anche più intime in ognuno e quindi ognuno deciderà cosa fare del proprio futuro”. “Io ho i veneti al mio fianco quindi vado avanti nella mia direzione poi in democrazia ognuno fa quello che vuole, penso che i veneti sappiano bene dove sta la qualità e l’impegno che in tutti questi anni abbiamo profuso”, ha poi continuato.

Interviene anche Matteo Salvini, fiducioso: “Ho stima per Tosi, mi auguro che nessuno voglia rompere. Giovedì c’è il Consiglio nazionale in Veneto, mi auguro che tutti facciano la loro parte”. “Stimo Tosi, come sindaco e come dirigente politico, e credo che se faremo una campagna seria a fianco di Zaia, come ci chiedono i veneti, per Flavio Tosi ci sarà tanto futuro in Lega, nel rispetto delle diversità”, ha concluso il leader del Carroccio.