Uno studio britannico ha spiegato in che modo i cani elaborano e distinguono il linguaggio umano. Anche il loro cervello è diviso in due, e per quanto gli è possibile, cercano di capire non solo chi siamo, ma anche cosa diciamo e in che modo lo diciamo

i cani

Non è soltanto un’illusione degli amanti dei cani, che spesso parlano con loro con la speranza di essere ascoltati. Ma sembra essere scientificamente vero. Noi parliamo e il nostro ‘miglior amico’ ci ascolta. E non è solo quando li rimproveri per aver morso le tue pantofole, o li saluti uscendo di casa suscitando la loro tristezza. Questo lo sappiamo già tutti. Ma il cane cerca di ascoltarti sempre e capire ciò che dici, anche se con molte difficoltà, e a confermare la nostra teoria è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università del Sussex del Regno Unito. Da quanto si apprende i nostri amici a quattro zampe distinguono ed elaborano le varie componenti del linguaggio umano. Victoria Ratcliffe, a capo della ricerca britannica, rivela che ancora non possono dire con certezza in che modo i cani comprendono le informazioni, ma “possiamo affermare che questi animali reagiscono ai dati sia verbali che di altro genere, e che queste componenti sembrano essere elaborate in diverse aree del loro cervello”. Questa non è la prima ricerca a riguardo, in passato infatti si era giunti a capire che quando elaborano la voce di altri cani, la parte destra del loro cervello si scambia con quella sinistra al momento che recepisce il suono. Così gli scienziati vogliono provare l’esperimento con voci umane. Per capirne i meccanismi hanno esposto discorsi chiari e con la stessa tonalità sia all’orecchio destro che a quello sinistro di alcuni esemplari canini. Si è notato quindi, che per i comandi semplici si spostano a sinistra, viceversa a destra per discorsi più complicati e con un più alto volume. Si evince dalla ricerca che anche il cervello dei nostri fedeli amici è diviso in due, e la loro attenzione è volta a capire il modo in cui viene pronunciata una frase cercando di arrivare al vero significato, e non solo a capire chi siamo. E anche se non riescono a farlo totalmente, sappiate che si stanno davvero impegnando a farlo. Come non amarli?