I 43 milioni di francesi chiamati a votare oggi per le amministrative dovranno scegliere i loro rappresentanti nei 96 dipartimenti del Paese e nei cinque d’oltremare. Favorito il Front National della Le Pen, dietro Nicolas Sarkozy e terzo il partito socialista di Hollande

Marine Le Pen

La Francia è chiamata oggi alle urne per il primo turno delle ‘dipartimentali’, elezioni amministrative in programma su tutto il territorio francese, fatta eccezione per Parigi, la metropoli di Lione e alcuni territori d’oltremare. 43 milioni di francesi sono chiamati a votare in quella che sembra una dura battaglia tra Front National, di Marine Le Pen, e Unione per un Movimento Popolare, dell’ex presidente francese Nicolas Sarkozy. Ma già dalle 12:00 risulta essere il Front National il favorito, con un’affluenza del 18%. Staccato al terzo posto c’è invece il Partito socialista di Francois Hollande che attualmente governa il Paese. Si teme però un’astensione record, visto che fino a qualche giorno fa gli elettori ignoravano totalmente che si dovesse votare oggi.

Con una carta dei “cantoni” completamente ridisegnata dalla riforma (sono diventati 2.054 mentre erano un anno fa 4.035), gli elettori dovranno votare per la prima volta per un “binomio” di candidati, un uomo e una donna. Verranno eletti 4.108 consiglieri dipartimentali in modo da rinnovare gran parte delle assemblee che governano i 101 dipartimenti francesi. Gli elettori sceglieranno i loro rappresentanti nei 96 dipartimenti del Paese e nei cinque d’oltremare, dalle 8 alle 18 di oggi. Ma probabilmente, in molti casi, si tornerà al voto domenica prossima.

Nei ballottaggi di domenica 29 marzo, il centrodestra guidato da Nicolas Sarkozy potrà facilmente rivoltare la situazione superando la Le Pen grazie alle migliaia di voti del Front Républicain, l’unione di tutti gli oppositori votanti della Le Pen, preparandosi dunque ad un possibile trionfo nel secondo turno delle elezioni.