violenza_ansa1

La vicenda è accaduta a Forlì, dove la ragazzina di 15 anni vive con la famiglia marocchina. I fratelli e il padre l‘hanno picchiata per aver tenuto a loro parere un atteggiamento ‘troppo occidentale’ non condiviso dalla loro religione. La sua unica colpa è quella di aver passeggiato con un amico all’interno di un centro commerciale. a far scattare l’ira della famiglia sono state delle foto scattate da amici di uno dei suoi fratelli mentre la giovane girava tranquillamente per i negozi insieme a un altro marocchino. Ad accompagnare l’sms la scritta istigante “Guarda cosa fa vostra sorella”. Così arrivata a casa i familiari hanno deciso di punirla chiudendola in una stanza e picchiandola selvaggiamente. Dopo aver chiamato personalmente il 118 la ragazza è stata medicata con urgenza riportando un trauma cranico e diverse ferite alle costole, alle spalle e al viso. I servizi sociali hanno subito allontanato la ragazza da casa e il padre e i fratelli sono stati denunciati per maltrattamento e lesioni aggravate dalla squadra Mobile di Forlì. La loro intenzione era invece quella di riportarla in Marocco per indirizzarla daccapo e in maniera più consolidata alla loro cultura.