La sparatoria è avvenuta ieri sera a San Basilio dove sono rimasti feriti tre giovani, tra cui un minorenne. L’ipotesi è un agguato legato a un regolamento di conti tra bande rivali

sparatoria

Sparatoria da far west ieri sera a San Basilio, a Roma. Probabilmente si tratta di una guerra tra bande rivali esplosa in strada alla periferia e che ha provocato tre feriti, tra cui un diciassettenne, colpiti da proiettili calibro 9 nei pressi del mercato coperto tra via Fabriano e via Amandola. Da quanto riportato, al momento dei fatti, i giovani stavano bevendo una birra su un muretto quando è passato uno scooter da cui sono esplosi una decina di colpi d’arma da fuoco. Sul posto numerose pattuglie della polizia di Stato, allertate da alcuni automobilisti, che hanno subito iniziato le indagini sulla vicenda. Il minorenne è stato colpito ad una gamba e portato in ambulanza al Sandro Pertini. I sanitari hanno già riferito che le sue condizioni non sarebbero gravi. Dalle informazioni è risultato che sono rimasti feriti altri due giovani giunti al pronto soccorso con mezzi privati, che sarebbero stati soccorsi nella vicina via Corinaldo.

La sparatoria è avvenuta per le strade di un quartiere popolare, dove intervengono spesso le forze dell’ordine contro lo spaccio di droga e infiltrazioni della malavita organizzata. Adesso gli investigatori stanno ascoltando alcuni testimoni per ricostruire i fatti, mentre sul posto sono ancora in corso i rilievi della scientifica. L’ipotesi principale è quella di un agguato legato a un regolamento di conti tra bande rivali, ma le autorità non escludono nessuna pista.