Pyongyang accusa Seul e Washington di aver avviato le esercitazioni in Corea del Nord per attaccarli e in risposta lancia due missili a corto raggio verso il Mar del Giappone: “Sospendete o reagiremo in modo devastante”

missili Nord Corea

La tensione tra Corea del Nord, Corea del Sud e Usa ritorna ad accendersi. Rispondendo all’avvio delle esercitazioni militari annuali tra le truppe della Corea del Sud e quelle Usa, la Corea del Nord ha lanciato di prima mattina due missili a corto raggio verso il mare aperto. Da quanto riportano lo Stato maggiore e l’esercito sudcoreano, entrambi i missili, presumibilmente due Scud, sono stati lanciati dalla costa ovest verso il Mar del Giappone percorrendo circa 490 chilometri. Pyongyang è ritornata poi a minacciare i due Paesi di altri “impietosi bombardamenti”. “La situazione nella penisola coreana è nuovamente ad un passo dalla guerra”, ha riferito l’agenzia ufficiale KCNA citando un portavoce dell’esercito, che ha aggiunto: “i soli sistemi per fare fronte all’aggressione a alla guerra con gli imperialisti Usa e i loro seguaci non è il dialogo o la pace ma solo bombardamenti impietosi”.

Alcune fonti dal ministero della Difesa sudcoreano hanno riportato che, senza tenere conto delle proteste di Pyongyang, Washington e Seul hanno avviato le loro esercitazioni militari “Foal Eagle”, della durata di quasi due mesi comprendente una serie di manovre via terra, mare e aria col coinvolgimento di 200mila uomini di Seul e 4mila soldati Usa, ed il programma di formazione “Key Resolve”, che durerà invece 12 giorni con la mobilitazione di 20mila militari. E questo al Paese guidato dal dittatore Kim Jong proprio non è andato giù, tanto che ha assicurato di essere pronto a reagire in modo devastante se non verranno sospese le esercitazioni.

In precedenza sia il Sud Corea che gli Usa avevano respinto le accuse del governo nordcoreano secondo cui queste esercitazioni sarebbero servite come scusa per un potenziale attacco. Un portavoce di Seul ha anche riferito all’agenzia di stampa Yonhap, che ci sono dei segnali che porterebbero a pensare di nuove esercitazioni di Pyongyang nelle sue acque occidentali. La Cina per allentare le tensioni regionali ha invitato alla calma tutte e tre le parti.