Il virus non si ferma in Africa occidentale e causa il decesso di altri 92 cittadini affetti  dallo stesso. Continua il coprifuoco per intercettare altri possibili casi. Mancanza di posti letto in Liberia.

Ebola, 92 morti in Sierra Leone.

L’ebola colpisce Freetown, la capitale della Sierra Leone, causando altre 92 morti e la possibilità di ulteriori infezioni. L’iniziativa “stay at home days”, una specie di quarantena che permetterebbe l’intercettazione di casi affetti dal virus imponendo ai cittadini di rimanere costantemente a casa, è quindi prolungata almeno per un altro giorno. La velocità di diffusione del mortale virus è impressionante. I dati ufficiali forniti da Emergency riconducono a 1.500 malati, con crescita del 40% nelle prossime tre settimane, e le vittime potrebbero salire a quota 6.800 in tutta l’Africa Occidentale entro la fine di settembre. Urgono nuovi aiuti e trattamenti sanitari adeguati soprattutto in Liberia che, ormai completamente sprovvista di posti letto, rifiuta pazienti per mancanza di spazio.