Donna al telefono

Le donne pagano bollette astronomiche per i propri cellulari? Niente di più lontano. A sfatare il mito è uno studio condotto dall’istituto di ricerca Demoskopea per Facile.it da dove emerge che il 53% dei conti telefonici femminile non supera i 10 euro mensili. Inoltre oltre il 90% delle donne utilizza ancora schede ricaricabili e più di una su 4, che rappresenta circa il 26%, usa due numeri di cellulari diversi. Il 24% ha dichiarato di preferire i telefonini tradizionali ai modelli di smartphone di altissimo design lanciati continuamente sul mercato. E più in generale la donna è meno incline alla tecnologia cellulare e alle relative applicazioni per gli smartphone, di cui invece l’utente maschile sembra essere un grande esperto. Se infatti a livello nazionale il 20% degli utenti di telefonia utilizza ancora un telefonino tradizionale, considerando unicamente l’universo femminile la percentuale sale fino al 24,2%.

Per quanto riguarda l’uso di app sui smartphone è risultato che a livello nazionale il 55,2% degli intervistati scarica applicazioni sul cellulare, e la percentuale scende al 48,1% tra le donne e sale invece al 62,9% fra gli uomini, come a confermare il grande divario fra gli universi maschile e femminile.

Si evidenzia inoltre che il 92,3% delle donne ama ancora inviare sms e Mms, contro l’87,9% degli uomini.
E ancora il 94% delle intervistate ha dichiarato di voler cambiare piano telefonico e operatore, e circa il 77% di queste lo avrebbe fatto spinta dalla volontà di risparmiare.

Escludendo WhatsApp, una delle App di comunicazione più diffusa, usata dal 58,1%; delle donne rispetto al 57,8% del totale nazionale, i dati rinvenuti da Facile.it nel dettaglio sono questi: il 63,5% naviga in Internet dal cellulare (contro il 67,8% del campione totale); il 55% usa la posta elettronica da telefono (60,8% il campione totale); si collega ai social network dal cellulare il 45,4% (vs 49%); e utilizza Skype sullo smartphone il 17,7% delle intervistate (vs 20,4%).