Per vestirsi in primavera è conveniente utilizzare tessuti traspiranti ma anche abbastanza caldi. Immancabile il classico trench, accessori come cappelli leggeri e foulard. Felpe e camice vanno per la maggiore, ma sarà possibile utilizzare anche vestiti casual non troppo corti

Donne, ecco come vestirsi in primavera: l'abbigliamento perfetto

Cappottini leggeri, pantaloni lunghi ed ampi e maglie di lana saranno tra gli indumenti femminili da utilizzare per vestirsi in primavera. A cominciare dai soprabiti, bisognerà utilizzare tessuti in panno o in stoffa. Anche se con fredde temperature, tali cappottini manterranno al caldo anche utilizzando magliette sottili. In alternativa, sempre per le donne, sono ben visti anche i leggeri piumini monocolore, o i classici e mai banali trench lunghi magari in avorio. Sebbene le temperature tendano ad alzarsi, con la mezza stagione potranno essere utilizzati cappelli e leggeri foulard.

Tra i copricapo c’è l’immortale basco per gli impermeabili, ma anche i cappelli a falda stretta in tessuto donano un aspetto meno austero se multicolor. Questi ultimi, in aggiunta, possono essere abbinati con foulard e sciarpe colorate che danno sempre una puntina di vivacità: meglio la seta che alla lana spessa, ma anche quella sottile può dare un po’ di colore. Niente lana lì dov’è possibile.

Donne, come vestirsi in primavera: maglioncini e magliette
Dato che la primavera quest’anno arriverà con molta calma e lentezza però, meglio optare per magliette in lana e maglioni traforati. Scegliere un vestiario a strati non è una cattiva idea: lì dove le temperature primaverili fanno un sali e scendi, sopra ad una magliettina sottile colorata potrebbe essere indossata una camicia di seta. Da corredare, per chi vuole, con un maglioncino in 50% lana. I maglioncini colorati ma non troppo pesanti sono i migliori indumenti da utilizzare per vestirsi in primavera. Le felpe sono adatte per un look casual, ma è meglio sceglierne qualcuno che tenga al caldo pur con le temperature ballerine. In realtà sono proprio gli indumenti giusti da utilizzare per le mezze stagioni, sotto un trench e abbinandolo ad un pantalone.

Classicissimo il pantalone nero lungo a palazzo, che può essere portato per look da uscite o look da lavoro. Immancabile per la stagione primaverile anche il denim, utilizzabile oramai in qualunque versione: strappati, skinny, stretti, con borchie. Naturalmente per risaltare le forme e mantenersi al caldo optate per jeans integri ma seriosi, soprattutto se è per questioni lavorative. Anche i pantaloni corti e larghi possono ancora andare, ma va evitata la classica gonna nera sul ginocchio.

Con la molteplicità di fantasie e trame, i vestiti non troppo corti (sul ginocchio) non sono mai uno sbaglio: colorati per un look classic casual per le uscite serali, oppure vestiti monocolore più austeri per il lavoro. Sebbene stia finendo il suo momento di gloria, lo stivaletto è ancora utilizzabile: che sia con un tacco basso o medio, che sia di taglio medio alto, è il periodo giusto per continuare ad utilizzarlo per vestirsi in primavera. Altrimenti mocassino o scarpe alte, con calze mai più scure delle colore delle scarpe per completare un look in vista di temperature più calde.