Il ragazzo è morto in ospedale dopo un ricovero avvenuto in seguito al suo arresto. Ancora da accertare come sia stato ferito, ma il sindaco di Baltimora afferma che tutte le informazioni saranno presto diffuse

manifestazioni per la giustizia a Baltimora

Avviate le indagine sulla morte di un afroamericano gravemente ferito durante il suo arresto avvenuto circa una settimana fa. A renderlo noto il sindaco di Baltimora, Stephanie Rawlings-Blake, precisando di aver disposto l’indagine per accertare le responsabilità. La vittima è il 25enne Freddie Gray, morto in ospedale dopo un ricovero in seguito al suo duro arresto.

Sabato si è svolta una manifestazione di protesta davanti alla stazione di polizia dove era stato portato Gray. Alla notizia della sua morte, la Justice League di New York ha organizzato una nuova iniziativa “per la giustizia” verso Washington. “Quando è troppo è troppo. La brutalità della polizia deve finire”, hanno affermato dal gruppo. Questa è ormai l’ennesima iniziativa contro episodi di violenza ai danni di afroamericani, iniziate circa un anno fa, quando un agente ha ucciso un ragazzo nero disarmato a Ferguson, in Missouri. L’ultimo episodio risale solo a pochi giorni fa nel South Carolina, quando un poliziotto bianco ha sparato diversi colpi alla schiena di un afroamericano che era scappato dopo essere stato fermato ad un posto di blocco per un fanalino rotto della sua auto. In quel caso l’agente è stato incastrato da un video girato da un testimone col telefonino.

Ancora da accertare come invece sia stato ferito Gray per giungere alla morte. La polizia non ha specificato ancora nulla, ma il sindaco di Baltimora ha affermato che verranno diffuse presto tutte le informazioni: “Comprendo la frustrazione della comunità e prenderò molto seriamente il mio dovere di trasparenza”, ha detto la Rawkings-Blake.