Tra i 5 Monet battuti all’asta a Londra, “La veduta del Canal Grande a Venezia” è stato il più conteso dai collezionisti, raggiungendo i 31 milioni di euro

monet

Oggi c’è stata una vera e propria asta da record per Sotheby’s a Londra. Ad emergere le opere del pittore impressionista Claude Monet. Ben 5 le sue tele vendute all’asta, per un totale di 55,7 milioni di sterline, pari a circa 74 milioni di euro. E 31 milioni di euro (23,7 milioni di sterline) sono stati sborsati solamente per l’acquisto di uno dei 5 Monet, il più pregiato e conteso: “La veduta del Canal Grande a Venezia”, un olio su tela del 1908 in cui il padre dell’impressionismo celebra il mito di Venezia. Nonostante la cifra altissima, il quadro non è però riuscito a scalfire il record assoluto per l’autore pari a 40,9 milioni di sterline, raggiunto nel giugno del 2008 con “Le bassin aux nymphèas”, battuto a Londra da Christie’s. Durante l’incanto, sono state vendute opere di arte impressionista, moderna e surrealista, raggiungendo un totale complessivo di ben 186 milioni di sterline, cioè 247 milioni di euro, un vero record per il mercato londinese. Secondo Helena Newman, capo del dipartimento di arte impressionista e moderna di Sotheby’s hanno partecipato collezionisti da 35 Paesi, ma i più attivi sarebbero stati quelli asiatici e russi.
Tra gli altri Monet finiti nelle mani dei più insistenti collezionisti ci sono “L’Embarcadère”, del 1871, acquistato per 10,3 milioni di sterline, e “Antibes vue de la Salis, del 1888, comprato per 8,7 milioni di sterline. Molto disputata anche la tela ad olio di Henry Matisse intitolata “Odalisque au fauteuil noir”, che ritrae la principessa Nèzy-Hamide Chawkat, nipote dell’ultimo sultano turco. L’opera di Matisse, datata 1942, ha raggiunto i 15,8 milioni di sterline (20,9 milioni di euro), superando così anche la sua stima massima di 9 milioni.