Alessandra Moretti si è dimessa dal Parlamento europeo e inizia la corsa alla presidenza del Veneto: “Orgogliosa della mia scelta”

alessandra-moretti

Si è dimessa dal Parlamento europeo e oggi, contemporaneamente, inizia la sua campagna elettorale per la presidenza della Regione Veneto. È una scelta coraggiosa quella della candidata Alessandra Moretti, una scelta che nessuno da 23 anni ha mai pensato di fare. “Do le mie dimissioni, da subito, dal ruolo di parlamentare europeo. Ho già avviato le pratiche per renderle immediate”, aveva detto nella mattinata di oggi. È quindi partita da subito la sua campagna elettorale da Limena, in provincia di Padova, dalla sua sede elettorale, per concorrere alla presidenza del Veneto come candidata del centrosinistra.

La ormai ex parlamentare ribadisce di essere fiera della sua scelta e che inizierà un ‘viaggio’ elettorale in tutti i Comuni del Veneto, per poter ascoltare ogni cittadino: “raccoglierò istanze che diventeranno poi proposte. Porte e finestre aperte nei confronti di chi, nella discontinuità, vuole costruire un futuro diverso e migliore”, ha promesso la candidata Pd. “Sarà un viaggio di grande entusiasmo, di passione, un viaggio lungo 579 comuni in 100 giorni per raggiungere un obiettivo comune molto importante”.

Alessandra Moretti, prima bersaniana e ora renziana è molto sicura di sé e gioca la sua carta vincente: “La prima candidata donna alla guida della Regione Veneto, credo che sia un punto da valorizzare”. In primavera, nelle elezioni regionali, duellerà con Luca Zaia. Solo qualche giorno fa, l’esponente dem aveva ricevuto forti critiche provenienti dal M5s ed era stata offesa pesantemente da un avventore in una pasticceria di Vicenza con frasi come “Vai a lavorare” e “Vergognati”.