Arriva la capsula del futuro, sostituirà i dolorosi aghi e giungendo nello stomaco, dopo l’assunzione orale, potrà rilasciare i farmaci senza creare alcun danno.

iniezioni

Chi odia le iniezioni ritenendole una vera e propria tortura sarà lieto di sapere che un recente studio ha trovato un modo alternativo per somministrare farmaci spesso inevitabile senza l’utilizzo degli aghi. Un gruppo di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology ha infatti da poco messo a punto una capsula, dotata di sottilissimi aghi, che dopo essere stata inghiottita riuscirà a rilasciare il farmaco senza creare nessun tipo di danno. A pubblicare i risultati dello studio è stata la rivista Journal of Pharmaceutical Sciences che descrive anche risultati preliminari e prospettive future. Sotto la direzione del dottor Giovanni Traverso, i ricercatori statunitensi hanno progettato il prototipo della capsula, dalle dimensioni di 2 centimetri di lunghezza, uno di diametro e aghi lunghi 5 millimetri, che assicurano essere completamente indolori. E questo grazie al fatto che, a livello della mucosa dello stomaco (dove verrà rilasciato il farmaco), i recettori del dolore sono completamente assenti. L’esperimento, riuscitissimo, è stato fatto su un gruppo di maiali utilizzando l’insulina, una molecola utilizzata tuttora tramite iniezioni sottocutanee per abbassare i livelli di glicemia nelle persone affette di diabete. Dalle analisi è emesso che il rilascio di questi farmaci ha avuto maggior efficacia rispetto alla normale iniezione sottocutanea. Adesso l’istituto tecnologico americano è all’opera per ottimizzare le pillole e cercare di sviluppare le pillole per uso umano. La speranza è quella che in futuro vengano somministrati vaccini e terapie anti-cancro senza dolorose iniezioni.