Il cordoglio di Mattarella: “Figura limpida e brillante”. Matteo Renzi: “Uomo di scienza mite ed appassionato che tanto ha contribuito al dibattito politico e culturale del Paese”

giovanni Berlinguer

È morto all’età di 90 anni Giovanni Berlinguer, fratello del leader del Pci Enrico. Medico e deputato per tre legislature con il Pci, figlio dell’avvocato e politico Mario, nel 2007, dopo lo scioglimento dei Ds che porterà alla nascita del Partito democratico, Giovanni lasciò il partito e aderì alla Sinistra democratica di Fabio Mussi. Fino al maggio 2009 fu deputato al Parlamento europeo di Strasburgo, nel quale ha aderito al Partito Socialista Europeo.

È deceduto la notte scorsa a Roma, e i suoi funerali si svolgeranno mercoledì alle ore 10:00 nell’Aula magna del rettorato dell’Università La Sapienza di Roma. Dell’ateneo romano Giovanni Berlinguer è stato proprio docente di Medicina sociale. La Camera ardente invece è stata allestita nella sala della Protomoteca del Campidoglio. Il suo feretro è stato accolto dal sindaco di Roma Ignazio Marino: “Con commozione porgo le mie condoglianze e quelle della città di Roma alla famiglia di Giovanni Berlinguer. Un uomo di grande valore, profondo conoscitore del mondo della sanità, delle riforme sociali e del welfare. Un punto di riferimento per il mondo politico che sapeva unire serietà e rigore a una grande sensibilità”. “Da studente di medicina negli anni Settanta conoscevo bene il suo lavoro, così come tanti altri miei compagni, e la sua passione nel diffondere l’importanza dei valori della scienza nella nostra società. Ammirai la caparbietà con cui si impegnò a sostenere la legge sulla chiusura dei manicomi e ne parlammo molte volte quando divenni presidente della Commissione d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale del Senato e mi occupai della chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. La vicinanza del Campidoglio alla famiglia è massima e ospiteremo qui la sua camera ardente oggi e domani”, ha proseguito il sindaco.

A ricordarlo anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Personalità brillante e dotata di alto senso morale, medico di grande valore, seppe unire nella sua lunga carriera, che lo vide più volte in Parlamento, passione civile, rigore scientifico e senso di profonda umanità”.

E anche il premier Matteo Renzi esprime il suo cordoglio alla famiglia di Giovanni Berlinguer, ricordandolo come “affilata coscienza critica della sinistra italiana ed europea, uomo di scienza mite ed appassionato che tanto ha contribuito al dibattito culturale e politico del Paese”.