Grazie alle leggi su stalking e violenza in genere si sono raggiunti ottimi risultati nell’ultimo anno: le donne vittime di omicidi sono state 137 (-22,6%) e gli atti persecutori sono calati del 24,8%. Aumentano invece gli allontanamenti del partner violento

Alfano-8 marzo

Una buona notizia in occasione dell’8 marzo per la festa della donna. I reati di violenza, stalking o abusi contro le donne sono calati nell’ultimo anno. I dati vengono dal Viminale e sono aggiornati al 3 marzo: le donne vittime di omicidi sono state 137 (-22,6%), quasi una ogni tre giorni, e di cui 102 hanno perso la vita in ambito familiare (-16,3%). Dati migliori anche per quanto riguarda gli atti persecutori (-24,8%) mentre aumentano gli allontanamenti del partner violento.

Il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha commentato che “tutti i reati con vittime di sesso femminile sono in diminuzione”, ma che ancora “c’è molto da lavorare e nessuno deve girare la testa dall’altra parte”.

Anche se nel totale sono calate le violenze sessuali (-22,3%), le donne registrano ancora una percentuale molto alta: nel 91,7% dei casi sono proprio loro l’oggetto di abusi sessuali. Calano anche le lesioni dolose (-13,80%), le percosse (-17,04%), le minacce (-17,04%), e i maltrattamenti in famiglia o verso i fanciulli (-14,79%).

Secondo Alfano sono ottimi risultati quelli raggiunti, soprattutto grazie alle buone leggi sullo stalking e sulla violenza in genere, anche se “la battaglia non è ancora vinta”. “Ma tantissime donne coraggiose, nell’ultimo anno, hanno potuto allontanare da casa i mariti violenti e hanno avuto il coraggio di denunciare sentendosi più protette dalle nuove leggi”, ha aggiunto il ministro dell’Interno, continuando poi con i ringraziamenti verso le donne che hanno avuto il coraggio di denunciare: “Grazie di cuore! E grazie a tutti coloro che hanno avuto la forza di testimoniare e che lo Stato proteggerà in ogni modo, assicurando loro assoluta riservatezza”. “Andiamo avanti su questa strada che non è ancora completata, ma è quella giusta”, ha concluso.