Come da previsione, un enorme e immediato successo per 50 sfumature di grigio che sta sbancando ai botteghini di tutto il mondo. Adesso la curiosità è solo una: quando inizieranno le riprese del sequel?

50 sfumature

Boom di incassi per 50 sfumature di grigio, che sta macinando, dal giorno della sua uscita nelle sale cinematografiche, il 12 febbraio, milioni di dollari nella sua patria di produzione, e milioni di euro anche qui in Italia, dove non si vedevano simili numeri di incassi ai botteghini dall’ultima commedia di Checco Zalone.

La prima trasposizione cinematografica della saga erotica di E.L. James ha spaccato in due la critica. Chi ha letto il primo dei tre romanzi (seguono cinquanta sfumature di nero e cinquanta sfumature di rosso) forse aveva delle aspettative diverse riguardo alla relazione tra l’inesperta Anastasia Steele e l’esigente miliardario Christian Grey. Ma si sa che la fantasia del lettore è molto acuta e si apre a più mondi, viaggiando in mille direzioni. Per non parlare di quanto sia fondamentale conoscere nei minimi dettagli tutte le emozioni della protagonista espresse in prima persona, che ti fiondano letteralmente nel suo mondo, come se avessimo realmente davanti Mr Grey, il principe (non proprio azzurro) dei nostri sogni proibiti. Moltissimi invece ne sono rimasti entusiasti, forse troppo (un uomo è stato picchiato al cinema da due donne solo per il semplice fatto di aver chiesto silenzio. Non sia mai che non potessero commentare a volta alta le prestanze fisiche e l’ardore del bel Christian!).

Aspettative a parte, la pellicola diretta da Sam Taylor-Johnson, ha voluto puntare maggiormente sul mistero più che sulle scene sessuali stesse, soffermandosi molto sulla sfera emotiva dei personaggi, soprattutto di Anastasia, interpretata egregiamente da Dakota Johnson. Perfetto anche Jamie Dornan nel ruolo del distante Grey, che nonostante porti sullo schermo un personaggio dai tanti lati oscuri e apparentemente molto freddo e privo di sentimenti, ha saputo mostrare a tratti e quando richiesto (anche se in maniera molto lieve e semplicemente con lo sguardo), un pò di umanità, sofferenza e, anche se non sembrerebbe (dato le sue strane abitudini sessuali), rispetto per la partner, che si è buttata in un mondo a lei totalmente sconosciuto solo per amore del suo dominatore.

Piaciuto o no, il grande pubblico è corso subito al cinema a guardarlo, chi da solo, chi in comitiva, qualcuno trascinato a forza dalla fidanzata, e molti costretti poi a sentire dalla vicina di poltrona cosa sarebbe successo nella scena successiva. Insomma le sale sono state riempite continuamente, dal primo all’ultimo spettacolo. E senz’altro sarà così nei giorni a venire, perché per un motivo o per l’altro ci sono sempre i ritardatari, accompagnati dai fan accaniti (e non sono pochi) che l’hanno già visto, forse solo il giorno prima. E cosa accomuna tutti? La curiosità e la voglia di sapere subito ciò che accadrà nel sequel.

Dopo la conclusione, tristissima, di 50 sfumature di grigio, dove i due amati/amanti si dicono addio, separati dalla porta dell’ascensore che si chiude, è inevitabile pensare che come nel libro, la loro storia continui in una seconda pellicola. Ciò nonostante la casa cinematografica Universal non ha ancora annunciato ufficialmente il progetto del sequel. Ma dopo il successo, concentrato maggiormente nei primi quattro giorni dall’uscita e ancora destinato a persistere, non possono non continuare la storia di Anastasia e Christian. Altrimenti come tenere a bada tutte le fan?

Ma il giallo continua anche per quanto riguarda la prossima ‘eventuale’ regia. Alcune indiscrezioni riportano infatti che Sam Taylor-Johnson, che oggettivamente ha fatto un lavoro eccezionale in tutte le scene di sesso, potrebbe lasciare il posto a un altro collega, in quanto stremata da questa esperienza. La Johnson stessa avrebbe raccontato poco tempo fa che le riprese di 50 sfumature di grigio sono state difficilissime, soprattutto per la ‘pesante’ presenza sul set dell’autrice E.L. James che pretendeva una più alta fedeltà al libro. “Mi sento come un regista che non ha più voglia di dirigere un altro film”, aveva detto la Johnson.

Altro punto interrogativo per la sceneggiatura. Il compito stavolta è toccato a Kelly Marcel, che ha subìto alcune revisioni di Patrick Marber per attenuare i contenuti sessuali. Durante il tour promozionale la Marcel è stata però una grande assenza, probabilmente perché, sempre secondo alcune voci di corridoio, la Universal sta cercando un nuovo sceneggiatore per rimpiazzarla per il prossimo film.

Fino a che non si risolvono questi enigmi, la Universal non potrà incominciare le riprese. Ma se si troverà ben presto un accordo il sequel del film potrà uscire nel 2016, sempre per San Valentino. Chi ha letto gli altri due libri della saga erotica sa che sono molto più scottanti ed espliciti del primo. E chissà se anche nei sequel la regia metterà un po’ il piede sul freno, o se al contrario deciderà di buttarsi con più libertà in una descrizione più dettagliata delle scene di sesso che si consumano all’interno della ‘stanza rossa dei giochi’ di Mr Grey. Attendiamo tutti con ansia e…trepidazione! E intanto iniziamo a rispolverare il secondo libro.